Commento al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 – mons. Giuseppe Mani

73

I farisei posero una questione capziosa a Gesù. Se avesse risposto “si” avrebbe indisposto la popolazione, i terroristi dell’epoca, se avesse risposto “No” si sarebbe messo contro le autorità occupanti. In ogni caso sarebbe stato eliminato. La prima risposta è facile ma Gesù insiste sulla seconda che è più importante.

Si fa mostrare una moneta che porta l’effige di Cesare. Poiché i giudei accettano di servirsi di questa moneta, di trarne profitto devono pure pagare le tasse. Gesù non prende parte per nessun regime politico. Le realtà politiche hanno una dinamica propria e Gesù non interferisce, non si allea con nessuno. La seconda domanda vale una risposta. C’è un altro Cesare, c’è un altro Re. Gesù è mandato dal Padre e c’è un altro regno che non è di questo mondo. Se il denaro di Cesare porta l’immagine di Cesare, anche Lui porta un’immagine, quella del Padre. In San Paolo e nella lettera agli Ebrei si legg: Gesù è l’icona del Padre, l’impronta della sua sostanza.

Se Cesare ha distribuito largamente il suo denaro nelle sue provincie lo ha fatto per riscuotere le imposte. Se Gesù, immagine del Padre è disceso in mezzo a noi ed è voluto essere uguale a noi è per ricondurre il genere umano verso suo Padre. Egli lo fa non soltanto per quello che Egli era ma per quello che faceva: guarendo i malati, perdonando i peccati e soprattutto morendo e risorgendo per darci una vita nuova. Questo per Gesù era rendere a Dio ciò che è di Dio. Nessun uomo, condizionati e imbrigliati tutti, come siamo dall’immagine di Cesare, che d’altra parte ne abbiamo bisogno per sopravvivere ma che minaccia sempre di appesantire il nostro cuore, era in stato di farlo. Malgrado il fatto che tutti gli uomini sono ad immagine e somiglianza di Dio come ci insegna il libro della Genesi. Quello è il tesoro più prezioso di ogni uomo ma un tesoro nascosto profondamente nel cuore.

Questa immagine è stata deturpata dal peccato ma restaurata dal battesimo per cui sempre presente anche a nostra insaputa. Questa immagine è talmente nascosta nel cuore che ci è voluto in mezzo a noi questa immagine unica del Padre, che è Gesù, per risvegliarla. “Rendere a Dio ciò che è di Dio”, è questo, a partire dal nostro cuore il compito di rassomigliare sempre più a Gesù e irradiare la sua immagine intorno noi. Per ogni discepolo di Cristo c’è il rischio di dovere qualcosa a qualche altra immagine, a qualche altro Cesare di quaggiù che non cessa di affascinarci, malgrado tutto.

E a mano a mano che l’immagine di Gesù si rivela diveniamo capaci di riconoscerla nei nostri fratelli e nelle nostre sorelle. Anche loro hanno impresso l’immagine di Cristo e nessuno può togliergliela. Anche i più miserabili peccatori la conservano. Il peccato che è in noi può soltanto ridurre la somiglianza con Gesù non distruggerla e non può mai togliere la possibilità del ritorno alla casa del Padre perché anche noi, come Gesù, portiamo impressa la sua effigie. “Rendere a Dio ciò che è di Dio” significa anche aiutare i fratelli a scoprire in essi l’ immagine con cui sono stati creati e durante tutta la vita, soprattutto attraverso la morte ,non cessare mai di rassomigliargli sempre più.

Commento a cura di mons. Giuseppe Mani dal sito www.lamiavocazione.it

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 ottobre 2017 anche qui.

XXIX Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 22, 15-21
Dal Vangelo secondo  Matteo

15Allora i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: «Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perché non guardi in faccia a nessuno. 17Dunque, di’ a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?». 18Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: «Ipocriti, perché volete mettermi alla prova? 19Mostratemi la moneta del tributo». Ed essi gli presentarono un denaro. 20Egli domandò loro: «Questa immagine e l’iscrizione, di chi sono?». 21Gli risposero: «Di Cesare». Allora disse loro: «Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 22 – 28 Ottobre 2017
  • Tempo Ordinario XXIX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 22 ottobre 2017 – p. Andrea Giustiniani, L.C.
Articolo successivoCommento al Vangelo del 22 ottobre 2017 – p. Ermes Maria Ronchi