Commento al Vangelo di domenica 21 Ottobre 2018 – don Fabio Rosini

8

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 21 Ottobre 2018 – ventottesima domenica del Tempo Ordinario – Anno B, dai microfoni di Radio Vaticana e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

LA VERA GRANDEZZA È NEL LUOGO IN CUI SI AMA

I discepoli seguivano Gesù, in mezzo a rinunce e precarietà. Come mai? Cosa cercavano veramente? Viene il giorno in cui il loro desiderio viene fuori – nella domanda di Giacomo e Giovanni del Vangelo di questa domenica – e viene alla luce con tutta la sua immaturità e la sua impresentabilità.

Ma Gesù non disprezza né loro né la loro domanda – non lo fa mai – e si mette a lavorare sulla loro richiesta, come fa un vero pedagogo, come fa un padre. E inizia scavando in modo profetico, partendo da una frase che significa il contrario di quel che sembra: «Voi non sapete quello che chiedete» non vuol dire: «Ma che razza di domanda avete fatto?», ma «in quel che chiedete c’è qualcosa che non sapete, che dovrete scoprire: non sapete ancora cosa state facendo, seguendomi, e dove questo vi porterà. Vi ci vorrà una serie di esperienze per arrivare alla luce nascosta in quel che state chiedendo».

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”0″][/better-ads]

La loro domanda sarà purificata dal bere al calice di Cristo e dall’entrare nel suo battesimo. Questi sono termini pasquali, fanno riferimento alla Passione, alla sorte di Gesù e alla sua immersione nella morte che porta alla risurrezione. Un giorno arriveranno queste cose anche per loro e Giovanni e Giacomo faranno il salto di qualità.

Sant’Ignazio di Loyola dice che c’è una chiamata secondo la logica terrestre, la chiamata secondo la nostra capacità di capire, e poi arriva una seconda chiamata, quella matura, che è secondo il Re celeste, quando uno capisce cosa è veramente seguire Cristo, e abbandona le proprie categorie per entrare in quelle del Padre.

C’è un momento in ogni matrimonio in cui si scopre che c’è qualcosa di molto più profondo da vivere, c’è da dare la vita per l’altro, c’è da entrare nell’amore adulto, dove si accoglie l’altro per quel che è. Allora inizia il matrimonio, altrimenti diventa un’ipocrisia, un patto reciproco di non aggressione, come spesso succede, e non ci si sporca con la povertà dell’altro, si resta al di qua della soglia dell’amore incondizionato. Ma quella è la soglia della gloria, della vita grande. Quando si beve quel calice, inizia la comunione vera.

In ogni missione c’è il momento in cui bisogna passare da come noi pensiamo quel che abbiamo da fare, a come Dio lo ha preparato. Altra roba. Qui si ama davvero.

ESSERE GRANDI.

Anche gli altri discepoli, che si indignano della domanda dei primi due, dovranno fare questo passaggio. In quel momento avevano in testa un problema di potere. E dovranno scoprire, preparati dalla profezia di Cristo, che il potere vero è il servizio. Allora dovranno buttare via le loro categorie, per essere grandi veramente. Non cambierà la loro voglia di avere il posto più alto, di essere importanti, ma scopriranno che questa voglia è esaudita veramente dall’amore.

Il mondo è pieno di persone che cercano la grandezza nel posto sbagliato, anche la Chiesa è piena di questa gente. La grandezza, il primo posto e la vera autorità si trovano nel luogo in cui uno ama, quando si dà la vita per qualcuno. Il resto è roba piccola.

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini

Link al video

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 21 Ottobre 2018 anche qui.

Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

Mc 10, 35-45
Dal Vangelo secondo Marco

35Gli si avvicinarono Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedeo, dicendogli: «Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo». 36Egli disse loro: «Che cosa volete che io faccia per voi?». 37Gli risposero: «Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra». 38Gesù disse loro: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io bevo, o essere battezzati nel battesimo in cui io sono battezzato?». 39Gli risposero: «Lo possiamo». E Gesù disse loro: «Il calice che io bevo anche voi lo berrete, e nel battesimo in cui io sono battezzato anche voi sarete battezzati. 40Ma sedere alla mia destra o alla mia sinistra non sta a me concederlo; è per coloro per i quali è stato preparato».
41Gli altri dieci, avendo sentito, cominciarono a indignarsi con Giacomo e Giovanni. 42Allora Gesù li chiamò a sé e disse loro: «Voi sapete che coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni dominano su di esse e i loro capi le opprimono. 43Tra voi però non è così; ma chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, 44e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti. 45Anche il Figlio dell’uomo infatti non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 21 – 27 Ottobre 2018
  • Tempo Ordinario XXIX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.