Commento al Vangelo di domenica 2 Settembre 2018 – mons. Giuseppe Mani

189

Il Vangelo di oggi ci presenta due problemi: la questione della tradizione che soppianta i comandamenti e la questione di ciò che sporca l’uomo. La prima questione: la tradizione. Il Deuteronomio lega le prescrizioni alla prossimità di Dio. Nella prima lettura si parla di tutti i comandamenti e le norme.

Con questo non si designa soltanto i comandamenti ma anche tutte le prescrizioni legali compreso lavarsi le mani prima del pranzo; ciò che Gesù chiama “le tradizioni degli antichi”. “Qual’ è la grande nazione di cui Dio sia vicino come il Signore?”. Le prescrizioni avevano lo scopo di inserire la fede e il culto in tutti i dettagli della vita, anche i più piccoli. Tutto è religioso per Israele, tutto è occasione per una relazione con Dio.

Questo non è affatto sorpassato: è vero che la nostra fede, la nostra speranza e il nostro amore si giocano in tutto, in tutte le cose. Tutto è compreso nell’Alleanza. Allora perché Gesù critica queste tradizioni? Il passaggio dalla fede al rito. Tutta l’esistenza è dono vissuto da Israele come una liturgia. Ogni liturgia ha le sue regole e le sue rubriche. Di colpo lo spirito può fermarsi sul rito, la realizzazione dei gesti prescritti e scontrarsi con la prossimità di Dio, la fede e l’amore che questi riti sono destinati ad esprimere e incarnare. Si ha davanti “le tradizioni degli antichi” e non Dio stesso. Ciò avviene inevitabilmente quando i gesti significativi sono prescritti e codificati.

Anche i sacramenti non sfuggono a questa degradazione. Ma Gesù nell’atteggiamento dei farisei rileva qualcosa di più profondo: mette in opposizione il comandamento di Dio con i gesti inventati dagli uomini per rendere il culto a Dio. La vera religione è accoglienza di una parola che viene da Dio. La paura di questa intrusione spinge gli uomini ad occupare spazi della relazione con Dio con dei riti che non esprimono ciò che è in essi, falsando ciò che Dio dice di sè stesso e degli uomini. La parola che germina.

La seconda lettura ci parla della Parola come di un seme. Quindi come di qualcosa che vive, che fermenta, che produce del nuovo, che trasforma. E’ il “non ancora” che produce in noi attraverso l’azione di Dio, attraverso una fiducia senza limiti una apertura incondizionata alla novità.

Una novità molto antica: la religione è “di venire in aiuto agli orfani, alle vedove nella loro sofferenza e di conservarsi in mezzo al mondo” Guardarsi è tenersi lontano da ciò che sporca l’uomo e che Gesù enumera alla fine della terza lettura. Guardando la lista da vicino ci si rende conto che la lista non fa che enumerare il contrario dell’amore. La tradizione giudaica vuole manifestare Dio presente in tutte le cose. Scopriamo qui che questa “religione in tutte le cose” si traduce in amare in tutte le cose. L’interiore e l’esteriore.

“Ciò che esce dall’uomo è ciò che sporca l’uomo”. Questo passaggio è capitale: Gesù indica l’origine del male umano: non c’è da cercarlo al di fuori del desiderio dell’uomo; in uno “slittamento“ della libertà. Ciò che viene dal di fuori non può niente contro di noi: o è la Parola di Dio (opposta alle tradizioni che vengono dagli uomini), parola creatrice o ci sono le ferite portate dagli elementi o dagli altri uomini: la Croce ci ha mostrato che questo non può impedirci di amare, dunque di accedere sempre al livello di Figli di Dio.

Commento a cura di mons. Giuseppe Mani dal sito www.giuseppemani.it

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 Settembre 2018 anche qui.

Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate la tradizione degli uomini.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 7,1-8.14-15.21-23
 
In quel tempo, si riunirono attorno a Gesù i farisei e alcuni degli scribi, venuti da Gerusalemme.
 
Avendo visto che alcuni dei suoi discepoli prendevano cibo con mani impure, cioè non lavate – i farisei infatti e tutti i Giudei non mangiano se non si sono lavati accuratamente le mani, attenendosi alla tradizione degli antichi e, tornando dal mercato, non mangiano senza aver fatto le abluzioni, e osservano molte altre cose per tradizione, come lavature di bicchieri, di stoviglie, di oggetti di rame e di letti –, quei farisei e scribi lo interrogarono: «Perché i tuoi discepoli non si comportano secondo la tradizione degli antichi, ma prendono cibo con mani impure?».
 
Ed egli rispose loro: «Bene ha profetato Isaìa di voi, ipocriti, come sta scritto:
“Questo popolo mi onora con le labbra,
ma il suo cuore è lontano da me.
Invano mi rendono culto,
insegnando dottrine che sono precetti di uomini”.
Trascurando il comandamento di Dio, voi osservate
la tradizione degli uomini».
 
Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: «Ascoltatemi tutti e comprendete bene! Non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro». E diceva [ai suoi discepoli]: «Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo».

 

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Settembre 2018
  • Tempo Ordinario XXII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Settembre 2018 – Angèle Bilegue
Articolo successivoLectio Divina di domenica 2 Settembre 2018 – Comunità di Pulsano