Commento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – Padre Giulio Michelini

113

Commento al Vangelo della Santa Domenica a cura di Giulio Michelini

Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto. Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo.

Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.” Dalla chiesa di Sant’Anselmo, situata sul colle Aventino, accanto alla Piazza dei Cavalieri di Malta, una delle mete preferite per i turisti che attraverso il foro della famosa serratura possono ammirare bellezza della cupola di san Pietro. Insieme alla Badia e al Pontificio Ateneo, la chiesa di Sant’Anselmo è un centro di spiritualità liturgica e del canto gregoriano. Dal 1962 è il punto di partenza della processione penitenziale presieduta dal Papa il mercoledì delle Ceneri.

Link al video

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Mentre li benediceva veniva portato verso il cielo.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 24, 46-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».

Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

 

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – Padre Antonio Salinaro
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – don Roberto Ponzini