Commento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – Padre Antonio Salinaro

76

Il commento alle Letture di domenica 2 Giugno 2019, a cura di Padre Antonio Salinaro.

L’ascendere al cielo di Gesù non è “lasciare i suoi” ma essere intimente connesso con loro…

Dio è sperimentabile in ciascuno di noi e nelle nostre relazioni… non è “uno fuori di me ma dentro di me… Ma questa è una espereinza che facciamo anche nella vita.. quando le persone che amiamo non ci sono sono intimamente più ricercate e amate… proprio perchè distanti.. ma ci dice anche che il cristianesimo, Gesù e la comunità sono visibili solo attraverso di noi…ecco perchè Gesù ci avvisa che ci riconosceranno da come ci ameremo…

Gesù dentro di noi; la comunità che manifesta il volto di Dio; le cose che amiamo che non ci abbandonano mai!

Bbuona domenica dell’ascensione!

Link al video

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

Mentre li benediceva veniva portato verso il cielo.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 24, 46-53

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e nel suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni. Ed ecco, io mando su di voi colui che il Padre mio ha promesso; ma voi restate in città, finché non siate rivestiti di potenza dall’alto».

Poi li condusse fuori verso Betània e, alzate le mani, li benedisse. Mentre li benediceva, si staccò da loro e veniva portato su, in cielo. Ed essi si prostrarono davanti a lui; poi tornarono a Gerusalemme con grande gioia e stavano sempre nel tempio lodando Dio.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

 

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – Mons. Nazzareno Marconi
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 2 Giugno 2019 – Padre Giulio Michelini