Commento al Vangelo di domenica 2 Dicembre 2018 per bambini – don Marino Gobbin

172

Cristo, vera libertà

Leggere

Gesù disse ai suoi discepoli: «Vi saranno segni nel sole… e sulla terra angoscia di popoli… Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina. State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze… Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza… di comparire davanti al Figlio dell’uomo» (Lc 21,25-28.34-36).

Segno

Corona di Avvento: accensione della prima candela detta della «vigilanza». Accanto porre un altoparlante (ascolto) e le Scritture.

Capire

Angoscia: per la venuta gloriosa del Figlio dell’uomo, le immagini sostituiscono l’impossibile cronaca del futuro. • Alzate: i termini sono propri dell’annuncio di Pasqua, questa è la meta dell’Avvento. • Appesantire: è l’atteggiamento del ricco insensato (cf Lc 16,19ss.). È perdere la sensibilità religiosa-umana della vita. • Vegliare: significa stare nella storia senza «rassegnarsi» al «già visto». Il credente è uno che non si assopisce nell’abitudine, ma vive un’attesa operosa. Egli sa che la storia è il luogo nel quale «si attende» Qualcuno… • Pregare: è l’atteggiamento della vigilanza. • Comparire: ci sarà concesso di vivere la vita di Dio.

Riflettere

Il tempo d’Avvento ha un carattere penitenziale, ma meno forte della Quaresima. Nelle prime settimane cerca di preparare il cuore alla venuta di Gesù alla fine dei tempi nella sua gloria; e a partire dal 16 dicembre per ricevere il Signore nel Mistero del Natale, che viene attualizzato nuovamente nella storia.

Quando, in un paese le case di un quartiere sono troppo vecchie, si radono al suolo con un bulldozer, e si ricostruiscono altre case più belle. Nel giorno del ritorno del Signore tutto sarà distrutto, ma non sarà sostituito con delle cose nuove al posto di quelle vecchie: saranno invece riuniti tutti gli uomini e le donne che lo avranno atteso, ed egli dirà loro: «Tenetevi pronti!». Questo perché per Dio gli uomini che lui ama contano di più del sole, della luna, e delle stelle. Per Dio, noi siamo più importanti delle cose. Per te, Dio è più importante delle cose, delle case e dei vestiti? E tutte le altre persone? Le metti prima, o dopo i tuoi giochi, i tuoi libri o i tuoi videogiochi? A Natale Gesù ti troverà pronto?

Raccontare

Il cercatore sentì bussare forte nel suo cuore. «Chi è?», chiese spaventato. «Sono io, la Verità». «Non essere ridicola», replicò il cercatore.

«La Verità parla in silenzio». E questo, con grande sollievo dell’uomo, eliminò il rumore. Ma lui non sapeva che a produrre quei colpi erano i battiti del suo cuore pieno di paura. La verità che ci fa liberi è quasi sempre la verità che non vorremmo udire.

Di fronte al giudice venne portato un vecchio, accusato di aver rubato una pagnotta da una panetteria. L’accusato si giustificò dicendo che la sua famiglia stava morendo di fame. Tuttavia il giudice dichiarò: «La devo punire. Ai sensi della legge la condanno al pagamento di una multa di dieci dollari». Poi l’uomo della legge si mise una mano in tasca e disse: «Beh, ecco qui i dieci dollari: paghi la multa con questi soldi». E alzando  la voce continuò: «Adesso condanno ciascuno dei presenti in questa sala a una multa di cinquanta centesimi per aver permesso che in questa città un uomo debba rubare del pane per non morire di fame. Usciere, raccolga il denaro e lo consegni all’imputato».

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36
 
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I,
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Fonte: Dossier Catechista Dicembre 2012

Articolo precedenteBrevi commenti alle letture della Messa del 2 Dicembre 2018 – Servizio della Parola
Articolo successivoIl Vangelo del giorno, 28 Novembre 2018 – Lc 21, 12-19