Commento al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 – don Mauro Manzoni

104

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima,  2 dicembre 2018.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Con questa domenica inizia il tempo dell’ Avvento, tempo dell’ attesa, tempo soprattutto della speranza. Lo viviamo ogni anno questo tempo, eppure ci ritroviamo sempre il cuore appesantito, che non cerca nulla di nuovo.

Continuiamo nella nostra vita a disperdere, sperperare e scialacquare ogni tipo di speranza, ac-contentandoci di quello che siamo e mai di quello che abbiamo. Viviamo una società dove scompaiono valori, scricchiolano sicurezze e le certezze sprofondano.

I nostri cuori si sono appesantiti e in essi non c’è più alcuna speranza, o meglio, speriamo soltanto nelle cose che ci possono soddisfare ora e subito, soprattutto in quelle che non ci costano fatica e sudore. Questo tempo di Avvento invece ci ricorda che c’è Qualcuno che è padre e nostro redentore. Tra i tanti sconquassi che ci costringono ad incassare la testa e a chiudere gli occhi, c’è Qualcuno che ci invita a sollevare il capo e a scorgere l’aurora della salvezza e della liberazione.

C’è qualcuno che ci invita a sperare in Lui ed es-sere pronti alla continua novità e freschezza di un Dio che si fa uno di noi. Vegliare, essere vigili e tenere gli occhi ben aperti per scoprire e riconoscere la sua pre-senza nelle situazioni che viviamo e nelle persone con le quali conviviamo. Attenti e svegli per coltivare la speranza della salvezza, per non essere condannati a non sperare più.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36
 
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I,
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Dicembre 2018 – fr. Janvier Ague OFM.Cap
Articolo successivoCommento al Vangelo del 2 Dicembre 2018 – p. Enzo Smriglio