Commento al Vangelo di domenica 18 Novembre 2018 – don Mauro Manzoni

76

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima,  11 Novembre 2018.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Le parole di Gesù del Vangelo di oggi, sembrano annunciare la fine di un mondo, quello ai tempi di Cristo, nel quale sconvolgimenti religiosi e politici hanno rovesciato civiltà umane sostituendo comportamenti idolatrici e fanatismi intollerabili. Il sole, la luna, le stelle che cadono e non danno più luce sono gli idoli, quelli che adoriamo e mitizziamo, cadranno e crolleranno.

Tutti i dominatori della storia, che hanno creato guerre, dolore, morte, sono precipitati, come precipiteranno i nuovi idoli che cercano di togliere dignità e libertà alle persone. Cadono pian piano le star, l’accumulo dei beni, la carriera, il potere, perché sono precarie e provvisorie.

Le parole di Gesù non sono parole di pessimismo e di scoraggiamento, anzi, è tutto il contrario e il suo messaggio non è di catastrofe ma di gioia e speranza, perché il Figlio dell’uomo viene a costruire una un nuovo mondo, pienamente umano. Non dobbiamo aver paura se la società cambia, anche se sembra in contrasto con la nostra fede, non dobbiamo aver paura si il mondo segue valori e principi che non ci appartengono, perché la presenza del Signore rimane stabile.

“Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno”. Ho selezionato un fotogramma, che metto nel video, preso dal film 2012. La fine nel mondo coinvolge anche la Cappella Sistina, e il registra magistralmente crea una spaccatura e una crepa tra il dito di Dio che crea e l’uomo che è creato. Sembra voglia dirci che il rapporto con il Signore è terminato e rotto. Non è così. Dio è sempre presente, Dio è sempre attento a noi, Dio c’è e guida la nostra vita umana.

E quel “non passerà questa generazione che tutto avvenga” del Vangelo, è il riferimento alla Pasqua che Gesù stava per intraprendere. Il sole si oscura, il cielo si scatena, il terremoto distrugge. Ma poco dopo la luce intensa della Risurrezione cambia il mondo e gli uomini e ci rassicura sulla presenza viva e operante di Gesù.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 18 novembre 2018 anche qui.

Mc 13, 24-32
Dal Vangelo secondo Marco

24In quei giorni, dopo quella tribolazione,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
25le stelle cadranno dal cielo
e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
26Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. 27Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
28Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. 29Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
30In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. 31Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
32Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 18 – 24 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteCommento alle letture di domenica 18 Novembre 2018 – Missio Ragazzi
Articolo successivoVideo Vangelo di domenica 18 Novembre 2018 per bambini – don Mauro Manzoni