Commento al Vangelo di domenica 17 maggio 2015 – p. Luigi Cicolini

88

Commento al Vangelo di domenica 17 maggio 2015 a cura di padre Luigi Cicolini, rettore del Santuario SS. Salvatore di Adria.

Ascensione del Signore

[ads2] Colore liturgico: bianco

Mc 16, 15-20
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, [Gesù apparve agli Undici] e disse loro: «Andate in tutto il mondo e proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno demòni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano serpenti e, se berranno qualche veleno, non recherà loro danno; imporranno le mani ai malati e questi guariranno».
Il Signore Gesù, dopo aver parlato con loro, fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio.
Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore agiva insieme con loro e confermava la Parola con i segni che la accompagnavano.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 17 maggio 2015 – don Claudio Doglio
Articolo successivoCommento al Vangelo del 17 maggio 2015 – mons. Francesco Alfano