Commento al Vangelo di domenica 16 settembre 2012 – padre Bruno Secondin

64

In questa 24.ma Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci presenta il passo del Vangelo in cui Pietro, dopo aver riconosciuto che Gesù è il Cristo lo rimprovera quando parla della sua morte. Il Signore allora gli dice:

«Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».

Su questo brano del Vangelo, ascoltiamo il commento del carmelitano, padre Bruno Secondin, docente di Teologia spirituale alla Pontificia Università Gregoriana:

A ridosso di due festività molto significative arriva questo Vangelo. Abbiamo celebrato la festa dell’Esaltazione della Croce e proprio in questo sabato lo sguardo si posa sull’Addolorata, avvolta nel manto nero del suo dolore. Ora il Vangelo della domenica ci presenta questa doppia scena di Pietro: in un attimo passa dalla esclamazione gioiosa rivolta a Gesù: “Tu sei il Cristo!”, al rimprovero durissimo che Gesù gli fa: “Va’, dietro a me, Satana!” Si rimane sconcertati, e lo sarà rimasto ancor più Pietro, anche se Marco non ci rivela altri particolari. In fondo Pietro pensava come molti di noi pensano: Gesù è il Messia, il Redentore, il Santo, la rivelazione di Dio Padre. E quindi non è proprio il caso di pensarlo umiliato, malconcio, peggio, morto massacrato. Eppure la sua gloria è proprio nell’essere un crocifisso amore, è una gloria vissuta con altra logica, quella del servizio. La morte di croce non è un incidente fuori programma, non è un fantasma da togliere via: è il sigillo della sua vera identità, la prova certa della sua totale dedizione al nostro bene. È anche la strada dei veri discepoli, che seguono il Maestro, e portano così ogni giorno la fatica del mondo a lasciarsi rinnovare.

[powerpress]
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 16 settembre 2012 – p. Massimo Granieri
Articolo successivoIl Concilio Vaticano II – Parte prima: tra innovazione e tradizione