Commento al Vangelo di domenica 16 Giugno 2019 – don Angelo Busetto

82

La lunga strada della Trinità

Tocchiamo la vetta con la festa della Trinità. Il panorama che abbiamo percorso si chiarisce e possiamo contemplarlo nella sua interezza.

Nel percorso della grande storia del mondo e nel breve tragitto dell’anno liturgico, abbiamo partecipato all’opera di Dio: Padre, Figlio, Spirito Santo. Dio Trinità agisce in unità, e nel tempo si svela nella specificità di ciascuna persona.

Il percorso che inizia nella creazione e si svolge nella storia del popolo di Israele, svela il volto di Dio creatore e Padre. Con la venuta di Gesù, inviato dal Padre come Salvatore, appare il volto del Figlio. Con la missione dello Spirito Santo a Pentecoste, vola nel cielo della Chiesa l‘ala dello Spirito Santo e si diffonde il fuoco di Dio amore.

Nel grande palcoscenico della storia, Dio si coinvolge con l’umanità in modo sempre più intenso, e nella figura di Gesù entra nella casa dell’uomo e gli diventa amico.

Ciascuna persona divina svolge il proprio compito specifico: nel Padre, Dio è il principio e il fine che ci supera; nel Figlio, Dio si fa compagnia all’uomo; nello Spirito Santo, Dio è intimo all’uomo, come l’Amore.

Fonte – Vatican Insider

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 16 Giugno 2019 – don Emanuele Tramacere
Articolo successivoCommento al Vangelo del 16 Giugno 2019 – S.E. Mons. Mario Russotto