Commento al Vangelo di domenica 13 Maggio 2018 per bambini – don Marino Gobbin

139

- Pubblicità -

Gesù con Dio e con noi

Leggere

Gesù apparve agli Undici e disse loro: «Andate… proclamate il Vangelo a ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvato, ma chi non crederà sarà condannato. Questi saranno i segni… scacceranno demòni, parleranno lingue nuove…». Il Signore Gesù… fu elevato in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono… mentre il Signore agiva insieme con loro… (Mc 16,15-20).

Segno

Per evidenziare la nuova presenza di Cristo tra i suoi, si intronizzi una grande immagine di Cristo pantocratore, circondato da fiori che si elevano.

Capire

  • Apparve: sono le apparizioni del Risorto.
  • Undici: manca Giuda, uno di loro, che ha tradito.
  • Andate: Gesù non invita a una intimità con lui. Ma non ci si distacca da lui se ci si avvicina ai poveri.
  • Vangelo: sintetizza il contenuto del messaggio.
  • Ogni creatura: alla lettera, a tutta la creazione.
  • Crederà: riconoscerà la sovranitàdel Risorto.
  • Battezzato: è il gesto che aggrega gli uomini a Gesù.
  • Salvato: la salvezza coincide con la liberazione dal peccato e dalle sue conseguenze.
  • Condannato: è il rifiuto dell’annuncio che opera la condanna. • Segni: sono «segni di credibilità» per dare forza alla testimonianza.
  • Demòni: dove c’è odio, cattiveria, violenza, lì c’è il demonio.
  • Lingue nuove: è la lingua del Vangelo, che parla di perdono, mitezza, amore, umiltà, purezza di cuore, trasparenza… È una lingua che si parla con la vita.
  • Elevato: è sottratto alla vista, per una diversa presenza presso i discepoli.
  • Sedette: cioè è entrato nella signoria divina. Il cielo e la terra si incontrano.
  • Agiva: proprio perché è asceso in cielo, può operare-insieme-con, dappertutto, fino alla fine del mondo.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Riflettere

Osservando i dipinti che presentano l’Ascensione, si potrebbe avere l’impressione che Gesù se ne va in alto tra le nuvole. Che ce ne facciamo di un Dio che scompare tra le nuvole? Gesù è il figlio di Dio e ora vive con il Padre. È partito raggiungendolo nella sua gloria e nella sua potenza.

Ma Gesù resta nello stesso tempo con gli uomini. Egli affida agli uomini una missione: «Annunciate il Vangelo a tutti gli uomini della terra». E fa una promessa: «Vi manderò lo Spirito Santo». Gesù non è più visibile con i nostri occhi di uomini. Questo non è un motivo per rimanere là, a bocca aperta, a guardare in aria. Al contrario, bisogna mettersi al lavoro. Gesù è ancora con noi, presente nel cuore di tutti coloro che credono in lui. A noi intanto il compito di annunciare a tutti chi è, e ciò che ha fatto.

Raccontare

Leonardo Boff parlava con sua madre, quasi analfabeta, di Dio e, lui famoso teologo, tentava di spiegarle chi è Dio. Lei a un certopunto lo guardò e gli disse: «Ma senti un po’ Leonardo, tu che sai tutte queste cose su Dio, perché
sei sempre così triste, se conosci Dio?». E Leonardo si fermò, arrossendo, e appuntò nel suo diario: «Mia madre, che non sapeva neanche scrivere, che non era mai andata a scuola, che sapeva sorridere e che aveva il cuore pieno d’amore, conosceva Dio molto più di me».

Un giorno vedo un ragazzino fuori dalla chiesa e gli dico in tono un po’ risoluto: «Che ci fai qui fuori?». «Non posso andare in chiesa». «E perché non potresti?». «Perché ho litigato con mio fratello e non ho ancora fatto la pace. Gesù non vuole che io vada in chiesa; vuole che vada a far pace con mio fratello».
Articolo precedenteCommento alle letture del 7 Maggio 2018 – Mons. Costantino Di Bruno
Articolo successivoPapa Francesco – Regina Coeli del 6 maggio 2018 – Il testo, il video e il file mp3