Commento al Vangelo di domenica 12 luglio 2015 – don Mauro Manzoni

83

La Parola di Dio“, canale YouTube del prolifico Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, XV Domenica – Anno B.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

“Il Signore mi prese dietro il bestiame – dice Amos nella prima lettura – e mi disse: và e profetizza al mio popolo”.
Essere mandati è dono di Dio come dono di Dio è la mia disponibilità per annunciare la Parola, che non è mia. E mi chiama per annunciare il messaggio di salvezza al mondo, incominciando dall’ambiente in cui vivo e opero, consapevole e cosciente che il messaggio rischia di essere rifiutato e respinto. E’ stato così della persona di Cristo e della sua parola, e “scuotete la polvere di sotto i vostri piedi” non è giudizio contro, ma testimonianza che li rende responsabili delle proprie scelte.
Ciò che mi è chiesto è di non sostituire l’umano col divino, di non confondere i miei progetti e le mie strategie con la Parola del Signore, di non cedere a disegni e tatticismi personali, di non fidarmi delle mie capacità e competenze, ma confidare solo in Dio, perché solo sua è la proposta e solo sua l’iniziativa.
Io sono soltanto lo strumento, con ai piedi i calzari e in mano il bastone, svestendomi di me stesso e affidandomi alla “ricchezza della sua grazia – come dice Paolo nella seconda lettura – alla ricchezza della sua grazia che Egli ha abbondantemente riversata su di noi”. [ads1]

XV Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

  • Colore liturgico: verde
  • Am 7, 12-15; Sal.84; Ef 1, 3-14; Mc 6, 7-13.

Mc 6, 7-13
Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient’altro che un bastone: né pane, né sacca, né denaro nella cintura; ma di calzare sandali e di non portare due tuniche.
E diceva loro: «Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì. Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro».
Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 12 luglio 2015 – p. Fernando Armellini
Articolo successivoPresentazione dell’Enciclica Laudato si’ all’Expo