Commento al Vangelo di domenica 12 Agosto 2018 – Sr. Myriam

153

Il pane della vita non sazia le pance, apre i cuori

Il pane della vita non sazia le pance, apre i cuori, apre gli occhi, la mente, fa nascere nuova vita lì dove si dà per scontato che sia tutta un’altra cosa, la ripetizione di un modello già andato in scena.

Dopo la moltiplicazione dei pani di qualche settimana fa, dopo che volevano farlo “re del panino” per avere sempre la pancia piena, Gesù si sottrae da tutto questo, si allontana e inizia un lungo discorso sul pane della vita.

Gli propongono un modello antico, una richiesta secondo l’idea preconfezionata del Dio che manda la manna dal cielo, che manda le quaglie, l’acqua, interpretando quei passi dell’Esodo secondo una categoria di ingenua magia.

Ciò che viene loro offerto in questa relazione con Lui, è qualcosa di totalmente nuovo, che sfugge alle categorie dell’appreso su Dio che ciascuno porta con se, nella pretesa di essere esaudito, una proposta di vita che implica la stria di ciascuno, l’adesione libera e responsabile di ciascuno ad un progetto vitale e vivacizzante.

In greco ci sono diversi modi per dire vita, e ciascuno ne descrive un aspetto, la vita biologica, la materialità della vita, qui il pane della vita è il pane della zoè (cfr. Gv1) , ossia della vita piena, che è relazione con il Padre.

Una vita che rigenera nella capacità di donarsi, che per chi la riceve viene  messo in grado di ridonarla così come l’ha ricevuta. Una vita che crea un circolo d’amore: il dono di sé affinché  l’altro abbia la vita zoè. 
Il pane della vita che è la persona di Cristo è capace di rendere vitale ciò che assolutamente non sembra esserlo agli occhi dei Giudei, che attendono inermi una manna che piova ancora dal cielo, una manna che non chiede impegno partecipazione, coraggio, energia, forze, creatività da mettere in campo.

Con l’augurio in questa domenica per il Sinodo dei giovani, che ciascuno possa riscoprire il pane della vita che gli viene offerto.

Buona domenica!

Sr. Myriam (Miriam D’Agostino) del Monastero Benedettino di Sant’Anna – Bastia Umbra

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XIX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 12 Agosto 2018 anche qui.

Io sono il pane vivo, disceso dal cielo.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 6, 41-51
 
In quel tempo, i Giudei si misero a mormorare contro Gesù perché aveva detto: «Io sono il pane disceso dal cielo». E dicevano: «Costui non è forse Gesù, il figlio di Giuseppe? Di lui non conosciamo il padre e la madre? Come dunque può dire: “Sono disceso dal cielo”?».
 
Gesù rispose loro: «Non mormorate tra voi. Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Sta scritto nei profeti: “E tutti saranno istruiti da Dio”. Chiunque ha ascoltato il Padre e ha imparato da lui, viene a me. Non perché qualcuno abbia visto il Padre; solo colui che viene da Dio ha visto il Padre. In verità, in verità io vi dico: chi crede ha la vita eterna.
 
Io sono il pane della vita. I vostri padri hanno mangiato la manna nel deserto e sono morti; questo è il pane che discende dal cielo, perché chi ne mangia non muoia.
 
Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 12 – 18 Agosto 2018
  • Tempo Ordinario XIX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 12 Agosto 2018 – P. Vittorio Francesco Viola o.f.m.
Articolo successivoCommento al Vangelo del giorno – 12 Agosto 2018 – don Mauro Leonardi