Commento al Vangelo di domenica 11 marzo 2018 per bambini – Maria Teresa Visonà

Pubblicità

« Come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo”. Queste sono le prime parole di Gesù nel Vangelo di oggi.

Cominciamo a riflettere partendo dalla seconda parte della frase: “così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo”.

“Innalzare” è una parola di cui sicuramente tutti sapete il significato: portare in alto. Generalmente questa parola si usa per dire che qualcuno ha fatto qualcosa di importante per cui è osannato, elogiato, oppure è messo in alto nel vero senso della parola. Facciamo qualche esempio: un atleta che vince una medaglia d’oro è innalzato sul podio; oppure quando prendete un bel voto venite innalzati nel senso che la maestra vi porta in alto, cioè vi loda facendo risaltare la vostra bravura; oppure, se il vostro papà viene promosso ad un livello più alto nel suo lavoro, è innalzato sia a livello di responsabilità che di stipendio…

Questa parola, cioè, ci fa capire che chi è innalzato è in una condizione migliore di quella in cui era prima, una condizione di gioia e di gloria.

Ora cerchiamo di capire che cosa significano le parole del Vangelo “bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo”.

Gesù è stato innalzato, lo sapete tutti vero? È stato innalzato sulla croce.

L’evangelista Giovanni, che ha scritto il vangelo di oggi, ha vissuto in prima persona quel momento di grande sofferenza di Gesù, ha visto il disprezzo che nutrivano nei suoi confronti coloro che lo stavano uccidendo, ha visto quale dolore stava sopportando…

Sapete bambini, una volta la morte in croce era solo per gli schiavi o i popoli sottomessi ai romani: nessun altro veniva ucciso in questo modo…

Giovanni dunque ha visto e vissuto tutti i momenti della passione di Gesù, eppure, dopo la risurrezione del suo Signore, pieno di fede in lui, non ci descrive l’accaduto come un momento negativo, ma proprio come “l’innalzamento” di cui parlavamo prima, cioè una gloria, una vittoria.

È vero che Gesù, appeso sulla croce, è stato innalzato da terra come gli schiavi, ma per Giovanni questo innalzamento non è solo fisico, segno di sofferenza, ma è un essere avvicinato a Dio, alla destra del Padre.

È un innalzamento di vittoria perché è il momento in cui Gesù manifesta a tutti noi il suo amore: è morto per salvarci dalla morte, dalla paura della morte, dal male, dal peccato. È morto per portarci, un giorno, con sé in paradiso.

Esiste un amore più grande di questo secondo voi? Esiste un amore più grande di dare la vita per i propri amici?

Ecco. Gesù chiede anche a noi di dare la vita per i nostri amici… non certo morendo fisicamente, ci mancherebbe altro!

Ci sono tanti modi, per noi, di dare la vita… ad esempio, rinunciare a qualcosa a cui teniamo tanto per donarla a chi ne ha bisogno; oppure donare un po’ del nostro tempo, rinunciando alla TV o ai videogiochi, per far compagnia a qualche anziano da solo; oppure mettere a disposizione i vari talenti che abbiamo (l’intelligenza, il coraggio, la mitezza, la pazienza, e così via…) per stare vicino a qualche nostro compagno meno fortunato di noi. Sono certa che ognuno di voi sa come potrebbe “dare la vita”!

Questo “dare la vita”, questo “morire”, significa cioè che dobbiamo far morire tutto ciò che dentro di noi non è amore e trasformare la nostra vita in un dono.

Tutto ciò ci può certamente costare, ci può fare anche soffrire perché è molto più facile fare quello che ci fa comodo…

Giovanni ci dice che la croce è stata sì un supplizio per Gesù, ma è stato il più grande atto d’amore che Lui potesse fare per noi perché, proprio lì, ha riportato la comunione tra il Padre e l’umanità.

Questo è quello che Gesù ha spiegato a Nicodemo nel Vangelo di oggi.

Nicodemo è un uomo che vuole andare fino in fondo alle cose, è un fariseo di spicco, un esperto delle Sacre Scritture, un uomo con una certa fama e cultura che è attirato dalla persona e dal messaggio del nostro Maestro, ma che non riesce a capire chi è il Cristo e qual è la sua missione.

Gesù, per cercare di spiegargli la necessità della passione e morte del Figlio dell’uomo, fa un paragone con quello che era successo nel deserto al popolo d’Israele dopo che era fuggito dall’Egitto.

Torniamo allora alla prima parte della frase che troviamo all’inizio del Vangelo: “Come Mosè innalzò il serpente nel deserto” .

Gli Israeliti, ad un certo punto del loro viaggio nel deserto verso la Terra Promessa, vengono assaliti da serpenti velenosi. La situazione era davvero tragica perché tutte le persone che venivano morse, morivano. 

Dio, Padre buono che vuole sempre la vita dei suoi figli, interviene e dice a Mosè di costruire un serpente di rame e di metterlo su un’asta, in alto, per dare la possibilità a tutti di vederlo: se coloro che venivano morsi dai serpenti lo avessero guardato, avrebbero avuto salva la vita.

Che cosa significa questo paragone? Significa che siamo invitati a guardare Gesù innalzato sulla croce come gli Israeliti guardavano il serpente innalzato da Mosè: chi guarda il Crocifisso trova salvezza e vita “perché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito… non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui”.

Questa frase significa che Gesù ci ha fatto vedere una volta per tutte l’amore di Dio per gli uomini.

Ma cosa vuol dire guardare a Lui innalzato sulla croce? Vuol dire che ci dobbiamo mettere davanti al Crocifisso, guardarlo, stare lì e basta? Certo che no! 
Guardare a Lui sulla croce significa contemplare l’amore che Gesù ha avuto per noi, significa credere che lui dona se stesso senza condizioni, significa fare nostro il suo modo di vivere.

Provate a pensare alla vostra vita di ogni giorno, provate a pensare a tutti i luoghi che frequentate, a tutte le persone che incontrate… vi fate quella domanda che dovrebbe essere sempre nel vostro cuore? La domanda è questa: “Come si comporterebbe Gesù se fosse al posto mio?”. Se agite come avrebbe agito Gesù nella sua vita terrena, allora significa che anche voi state donando la vostra vita.

Non è sempre facile, anzi, perché anche noi potremmo essere morsi dal serpente dell’egoismo, della pigrizia, della maldicenza, del voler primeggiare… ma guardare il Crocifisso ci può guarire, ci può aiutare a capire che cosa significa “volere un bene da morire”.

In una parrocchia vicina alla mia c’è una chiesa molto bella, ma quello che mi colpisce maggiormente di quella chiesa è il crocifisso. È posto al centro della chiesa, in alto, e la luce che entra dalle vetrate posteriori attraversa Gesù, illuminando a zone la porta d’ingresso. In questa croce Gesù ha gli occhi aperti, è vivo e la sua non è una corona di spine ma d’oro, proprio come un re.

È l’immagine più bella che dovremmo avere del nostro Signore verso cui guardare: vivo, risorto, presente in mezzo a noi per aiutarci a vivere come lui.

Buona domenica!

Commento a cura di Maria Teresa Visonà per il sito omelie.org

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della IV Domenica del Tempo di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Marzo 2018 anche qui.

Gv 3, 14-21
Dal Vangelo secondo Giovanni

14E come Mosé innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, 15perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. 16Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. 17Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui. 18Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è già stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell’unigenito Figlio di Dio. 19E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno amato più le tenebre che la luce, perché le loro opere erano malvagie. 20Chiunque infatti fa il male, odia la luce, e non viene alla luce perché le sue opere non vengano riprovate. 21Invece chi fa la verità viene verso la luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11 – 17 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima IV
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Potrebbe piacerti anche