Commento al Vangelo di domenica 11 Luglio 2021 – don Mauro Manzoni

74

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 11 luglio 2021.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

“Il Signore mi prese dietro il bestiame – dice Amos nella prima lettura – e mi disse: và e profetizza al mio popolo”.
Essere mandati è dono di Dio come dono di Dio è la mia disponibilità per annunciare la Parola, che non è mia. E mi chiama per annunciare il messaggio di salvezza al mondo, incominciando dall’ambiente in cui vivo e opero, consapevole e cosciente che il messaggio rischia di essere rifiutato e respinto.

E’ stato così della persona di Cristo e della sua parola, e “scuotete la polvere di sotto i vostri piedi” non è giudizio contro, ma testimonianza che li rende responsabili delle proprie scelte. Ciò che mi è chiesto è di non sostituire l’umano col divino, di non confondere i miei progetti e le mie strategie con la Parola del Signore, di non cedere a disegni e tatticismi personali, di non fidarmi delle mie capacità e competenze, ma confidare solo in Dio, perché solo sua è la proposta e solo sua l’iniziativa.

Io sono soltanto lo strumento, con ai piedi i calzari e in mano il bastone, svestendomi di me stesso e affidandomi alla “ricchezza della sua grazia – come dice Paolo nella seconda lettura – alla ricchezza della sua grazia che Egli ha abbondantemente riversata su di noi”.

Link al video
Articolo precedenteVangelo Daily – Commento al Vangelo del 9 Luglio 2021
Articolo successivoFrati Minori Assisi – Commento al Vangelo del 9 Luglio 2021