Commento al Vangelo di domenica 10 Ottobre 2021 – don Mauro Manzoni

73

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, 10 Ottobre 2021.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

Nei Vangeli, generalmente, chi si avvicina a Gesù e corre da Lui, è colui che ha bisogno di essere guarito e sanato. Persone ammalate e afflitte, che vedono in Cristo il guaritore e il taumaturgo, capace di far ritrovare la salute del corpo o la liberazione dal maligno.
Il giovane che incontriamo oggi no, non alcuna necessità di essere guarito da malattia o infermità, cerca e incontra Gesù perché gli manca qualcosa dentro, nel cuore, e cerca qualcosa in più di quello che è la vita terrena e materiale. E’ ricco, giovane, stimato, possidente di molti beni. Eppure, eppure non è soddisfatto: è alla ricerca di un equilibrio, di una armonia intima che non trova nella ricchezza e nel benessere materiale.

“Maestro – dice – cosa devo fare per avere la vita eterna?”. Manca, a quel giovane, una vera relazione e un effettivo rapporto con Dio, pur nella correttezza della sua vita e nell’osservanza scrupolosa della legge. Rimane zavorrato e paralizzato dai beni materiali che gli impediscono di rispondere a quel “vieni e seguimi” di Cristo e “se ne andò, afflitto, perché aveva molti beni”. Rapporto mancato e fallito, delusione e tristezza.

“Va, vendi quello che hai e dallo ai poveri” – La vera nostra ricchezza è proprio questa: gli altri, i fratelli, che sono il legame che ci annoda a Dio e ci fa diventare di cento volte più ricchi e destinati alla vita eterna.

Link al video
Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 8 Ottobre 2021
Articolo successivoPRETI OPERAI – Borghi Politi Fanfani e l’esperienza toscana