Commento al Vangelo del 8 ottobre 2017 – don Angelo Busetto

103

QUESTA VIGNA DONATA

Il campo, la vigna, la vite, i contadini: Gesù evoca immagini bellissime che evidentemente lui stesso ha sotto gli occhi. Con riferimento immediato, Egli vuole descrivere la grande opera che Dio sta svolgendo nel mondo; una splendida vigna è stata consegnata all’antico popolo d’Israele. Gesù ne percorre la storia di rifiuto, fino all’ultimo atto che coinvolge lui stesso. Adesso la cosa rimbalza su di noi: che ne facciamo della vigna che il Signore ci ha consegnato? La vigna corrisponde alla vita possediamo e al dono di grazia che ci ha raggiunti: esistenza personale, famiglia, lavoro, società, relazioni umane, responsabilità; e insieme, fede, comunità cristiana, Chiesa intera. I profeti, come Isaia nella prima lettura di questa domenica, descrivono la bellezza di questa vigna, e la cura amorevole del Signore verso di essa, quasi fosse una sposa, o una figlia. Dio osa persino mandare il suo stesso Figlio a guardarci e a custodirci. Che ne faremo dunque? Che ne facciamo? 

Fonte

[amazon_link asins=’B00GXZBON8,885140190X,B01FULHI58,B013VLFKLI,8821188345,8852604502′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’97e5be77-a5b1-11e7-9744-6357c6fa1ae0′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 8 ottobre 2017 anche qui.

XXVI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 21, 33-43
Dal Vangelo secondo Matteo

33Ascoltate un’altra parabola: c’era un uomo che possedeva un terreno e vi piantò una vigna. La circondò con una siepe, vi scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 34Quando arrivò il tempo di raccogliere i frutti, mandò i suoi servi dai contadini a ritirare il raccolto. 35Ma i contadini presero i servi e uno lo bastonarono, un altro lo uccisero, un altro lo lapidarono. 36Mandò di nuovo altri servi, più numerosi dei primi, ma li trattarono allo stesso modo. 37Da ultimo mandò loro il proprio figlio dicendo: “Avranno rispetto per mio figlio!”. 38Ma i contadini, visto il figlio, dissero tra loro: “Costui è l’erede. Su, uccidiamolo e avremo noi la sua eredità!”. 39Lo presero, lo cacciarono fuori dalla vigna e lo uccisero. 40Quando verrà dunque il padrone della vigna, che cosa farà a quei contadini?». 41Gli risposero: «Quei malvagi, li farà morire miseramente e darà in affitto la vigna ad altri contadini, che gli consegneranno i frutti a suo tempo». 42E Gesù disse loro: «Non avete mai letto nelle Scritture: La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d’angolo; questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi? 43Perciò io vi dico: a voi sarà tolto il regno di Dio e sarà dato a un popolo che ne produca i frutti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 08 – 14 Ottobre 2017
  • Tempo Ordinario XXVII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Articolo precedenteCommento al Vangelo del 8 ottobre 2017 – dom Luigi Gioia
Articolo successivoPapa Francesco ai Partecipanti al Convegno Internazionale promosso dalla Congregazione per il Clero