Commento al Vangelo del 8 Aprile 2018 – don Domenico Bruno

46

Il commento alle Letture di domenica 8 aprile 2018, a cura di don Domenico Bruno.

“In bilico tra santi e falsi dei”

Il filo sul quale cammina la fede della Chiesa (ovvero tutti noi) è molto sottile. In effetti un po’ tutti abbiamo delle credenze “particolari”, dei riti ai quali ci affidiamo per svariati motivi, magari per salutarci con degli amici o prima di vedere una partita, atteggiamenti pagani, superstiziosi, o presi in prestito da altre religioni.

Preferiamo, addirittura, fidarci di burloni che ci raccontano chiacchiere ben condite, e di chi ci chiede denaro per conoscere la verità… ma di Gesù (che è la Verità!) e di ciò che ha da dirci in modo gratuito non ci fidiamo. Proprio come Tommaso! (cf Gv 20,19-31).

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Siamo tutti un po’ “tommasei”, increduli come san Tommaso e ostinati come i giudei.

Quando si parla della risurrezione di Cristo e della sua presenza in mezzo a noi siamo molto scettici, riesce più facile credere alla presenza di angeli, di spiriti, di forze soprannaturali, di personificazioni eteree di concetti astratti (il Bene, il Male, l’Amore, ecc.), ma credere nella presenza reale di Gesù in carne e ossa proprio non ci riusciamo! 

Perfino passare velocemente in chiesa per fare una preghiera ci risulta facile! Ma restarvi è troppo impegnativo: preferiamo il resto del mondo. Ma Gesù non vuole solo che noi crediamo, bensì che facciamo esperienza! 

E perché questo sia possibile ha bisogno che noi “stiamo” con Lui, che come Tommaso attraversiamo il suo corpo, ne tocchiamo le sue sofferenze, ci immergiamo nella sua presenza, lo mangiamo! Non dobbiamo né possiamo dirci cristiani se ci fermiamo al primo stadio di Tommaso che non crede se non vede. 

Cosi come a lui, anche a noi il Signore offre la possibilità di farne esperienza, ma dobbiamo saper “stare” con Lui e con Lui solo, con calma, senza la fretta che Lui ci mostri qualcosa affinché crediamo. Gesù non è uno storico che deve provare un fatto, né uno scienziato che deve dimostrare empiricamente un evento. Gesù è l’evento e questo va vissuto per comprenderlo!

Mangiare in modo frettoloso, può provocare un’indigestione, ovvero un miscuglio di cibi che non ci danno una vera soddisfazione, non ci donano pace. Le cose vanno gustate lentamente. Così il funambolo non può correre sulla corda, altrimenti cade giù: deve saper trovare il giusto equilibrio e capire i giusti passi da mettere. 

Così è la fede: bisogna camminare piano per restare in equilibrio, saper ascoltare il Signore per cercare di capire quali sono gli atteggiamenti pagani e di incredulità da evitare e quali le cose che contano veramente, ovvero le realtà alle quali Dio vuole farci arrivare.

  • La mia fede cristiana tra cosa è tesa? Quali sono le pratiche/atteggiamenti pagani che qualche volta mi concedo a discapito di quelli cristiani?

  • Quali sono le credenze di cui mi fido più facilmente rispetto alla risurrezione di Cristo?

  • Di cosa avrei bisogno per credere in Gesù vivo e vero in mezzo a noi ora?

Fonte

CHI E’ DON DOMENICO BRUNO
Sacerdote, studente di comunicazione alla Lateranense e viceparroco a Roma.
Prete, letterato e studente di comunicazione. Già autore del romanzo “La potenza del pellicano“. Amante del Vangelo, del bello e del ben detto.
(ag. 08/04/2018)
Il suo sito/blog: http://annunciatedaitetti.blogspot.it

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

II Domenica del Tempo di Pasqua

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 8 Aprile 2018 anche qui.

Gv 20, 19-31
Dal Vangelo secondo Giovanni

19La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». 20Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore. 21Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi». 22Detto questo, soffiò e disse loro: «Ricevete lo Spirito Santo. 23A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati». 24Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. 25Gli dicevano gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il mio dito nel segno dei chiodi e non metto la mia mano nel suo fianco, io non credo». 26Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c’era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, stette in mezzo e disse: «Pace a voi!». 27Poi disse a Tommaso: «Metti qui il tuo dito e guarda le mie mani; tendi la tua mano e mettila nel mio fianco; e non essere incredulo, ma credente!». 28Gli rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». 29Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, tu hai creduto; beati quelli che non hanno visto e hanno creduto!». 30Gesù, in presenza dei suoi discepoli, fece molti altri segni che non sono stati scritti in questo libro. 31Ma questi sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio, e perché, credendo, abbiate la vita nel suo nome.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 08 – 14 Aprile 2018
  • Tempo di Pasqua II
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.