Commento al Vangelo del 7 Aprile 2019 – Padre Antonio Salinaro

193

Il commento alle Letture di domenica 7 aprile 2019, a cura di Padre Antonio Salinaro.

Una donna posta al centro per essere condannato uomini spietati che usano per mettere in difficoltà l’avversario Gesù che si mette al centro insieme alla donna come colui che sa stare per salvare; Gesù che invita non alla condanna ma alla coscienza Gesù che dona il perdono come unica via per poter guardare il futuro.

Il nostro cuore ferito sente la necessità di essere accolto e perdonato per non perdersi nei meandri del rimpianto e del dolore e potersi aprire alla libertà e bellezza di un futuro nuiovo possibile.

Buona domenica

Link al video

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

IL VANGELO DI DOMENICA 7 APRILE 2019

Quinta domenica di Quaresima

Qui puoi trovare altri commenti al Vangelo di domenica prossima

Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 8,1-11

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma al mattino si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui. Ed egli sedette e si mise a insegnare loro.

Allora gli scribi e i farisei gli condussero una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: «Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?». Dicevano questo per metterlo alla prova e per avere motivo di accusarlo.
Ma Gesù si chinò e si mise a scrivere col dito per terra. Tuttavia, poiché insistevano nell’interrogarlo, si alzò e disse loro: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei». E, chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani.

Lo lasciarono solo, e la donna era là in mezzo. Allora Gesù si alzò e le disse: «Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?». Ed ella rispose: «Nessuno, Signore». E Gesù disse: «Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più».

Parola del Signore.

QUI ALTRI COMMENTI

[/box]