Commento al Vangelo del 5 novembre 2017 – Mons. Antonio Interguglielmi

157

La ricerca di una legge che possa giustificarci, di un ordine che sia migliore degli altri, fa parte dell’uomo che vive centrato su sé stesso, cercando anche attraverso la sua “religiosità” di essere superiore agli altri, di realizzarsi in qualche modo. Anche usando la religione. Ancora oggi infatti esistono scribi e farisei, come al tempo di Gesù: “Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente”, li descrive Gesù nel brano del Vangelo di Matteo di questa domenica.

Un uomo così, non porterà mai nessuno alla fede, né alla Chiesa, anzi lo farà allontanare: malgrado i tanti rituali e le (apparenti) devozioni a cui si sottopone. Perché la fede è ben altra cosa! Non è certo una serie di obblighi e interminabili rituali, se questi sono privi dello Spirito di Cristo.

L’incontro con Cristo infatti non ci mette altri pesi, ma ci libera dai nostri sensi di colpa, da tutti questi “pesanti fardelli” che sono segno soltanto dell’uomo vecchio, di un uomo che non ha mai incontrato l’Amore di Gesù. Da questo incontro rinasciamo come creature nuove, rigenerati dal Suo Amore che non pretende nulla, ma tutto dona.

Ecco perché Gesù alla fine del brano del Vangelo ci annuncia che “chi sarà grande, si farà servo”: perché ormai la vita vera l’ha trovata, la perla preziosa, il senso della sua vita l’ha trovato e non ha più bisogno di doversi mettere al primo posto. Dell’ammirazione e della stima degli altri non sa che farsene.

Come San Paolo che esclama nella lettera indirizzata ai Filippesi: “Tutto ormai io reputo una perdita di fronte alla sublimità della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale ho lasciato perdere tutte queste cose e le considero come spazzatura, al fine di guadagnare Cristo e di essere trovato in lui, non con una mia giustizia derivante dalla legge, ma con quella che deriva dalla fede in Cristo, cioè con la giustizia che deriva da Dio, basata sulla fede”.

Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma)

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 5 novembre 2017 anche qui.

XXXI Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

Mt 23, 1-12
Dal Vangelo secondo  Matteo

1Allora Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli 2dicendo: «Sulla cattedra di Mosé si sono seduti gli scribi e i farisei. 3Praticate e osservate tutto ciò che vi dicono, ma non agite secondo le loro opere, perché essi dicono e non fanno. 4Legano infatti fardelli pesanti e difficili da portare e li pongono sulle spalle della gente, ma essi non vogliono muoverli neppure con un dito. 5Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dalla gente: allargano i loro filattèri e allungano le frange; 6si compiacciono dei posti d’onore nei banchetti, dei primi seggi nelle sinagoghe, 7dei saluti nelle piazze, come anche di essere chiamati “rabbì” dalla gente. 8Ma voi non fatevi chiamare “rabbì”, perché uno solo è il vostro Maestro e voi siete tutti fratelli. 9E non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste. 10E non fatevi chiamare “guide”, perché uno solo è la vostra Guida, il Cristo. 11Chi tra voi è più grande, sarà vostro servo; 12chi invece si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 05 – 11 Novembre 2017
  • Tempo Ordinario XXXI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO