Commento al Vangelo del 4 Novembre 2018 – Prof. Rocco Pezzimenti

77

Il commento al Vangelo di domenica 4 novembre 2018 a cura del Prof. Rocco Pezzimenti.

1. Il racconto evangelico odierno è il proseguimento di una discussione che Gesù intrattiene con i sadducei sulla resurrezione. Molti l’avevano ascoltata e uno di questi aveva riconosciuto che il Salvatore aveva risposto bene per cui pone una domanda: “Qual è il primo di tutti i comandamenti?”. Il Maestro risponde con sintetica chiarezza: “Il primo è: Ascolta Israele. Il Signore Dio nostro è l’unico Signore” e poi aggiunge che per questo merita di essere amato con tutte le nostre forze e facoltà, nessuna esclusa. Ma subito si affretta ad aggiungere che il secondo, come conseguenza, è: “Ama il prossimo tuo come te stesso. Non ci sono altri comandamenti maggiori di questi”.

2. Lo scriba, postosi come esaminatore, risponde in modo apparentemente saccente: “Bene, Maestro, hai detto con tutta verità: Egli è l’unico e non c’è altri che lui”. È per questo che merita di essere amato con una donazione totale che supera “tutti gli olocausti e ai sacrifici”. Ora è Gesù che apprezza la risposta dello scriba ed afferma: “Non sei lontano dal Regno di Dio”. Lo incoraggia come a dire: continua, sei sulla buona strada, ma quel “non sei lontano” sembra nascondere ben altro. Sembra quasi voler svelare un mistero. Quel “non sei lontano” evidenzia che si deve ancora camminare, quasi quei due comandamenti devono ancora essere completati nella via della perfezione.

3. Il Maestro ha in mente una meta che svelerà al momento opportuno tramite il sacrificio della Croce. Pian piano farà capire, ammaestrando i suoi discepoli, che egli stesso si identifica con quel Dio che merita di essere amato con tutte le forze che abbiamo a disposizione. Poi, giunto al culmine, prossimo al momento del grande sacrificio dirà: “Vi do un comandamento nuovo”. Nuovo, perché non appartiene alla legge secondo l’intenzione dello scriba. Nuovo, perché indica la meta, il compimento della legge, il coronamento del suo sacrificio: “Amatevi gli uni gli altri come io vi ho amato”. È un rovesciamento totale perché cambia la misura dell’amore: non più le nostre capacità, ma la sua donazione.

4. Paolo ci dà la spiegazione di questo mistero. Il sacrificio sacerdotale del Signore è unico e irripetibile. Se le figure sacerdotali di Israele passavano con la morte, per il Salvatore non è così. È questo il Cristo “perché rimane in eterno, ha un sacerdozio non transitorio e perciò può salvare perfettamente coloro che per lui si accostano a Dio”. La perennità di questo sacerdozio dipende dal fatto che egli, in ogni istante, intercede a nostro favore presso il Padre.

5. Paolo vuole essere ancora più chiaro. Gli altri sacerdoti sono “uomini gravati d’infermità”. Per redimerci occorreva un altro sommo sacerdote. Uno nuovo, “santo, innocente, incontaminato”. Proprio perché, come figura divina, in possesso di queste caratteristiche “non ha bisogno ogni giorno, come i sommi sacerdoti, di offrire sacrifici prima per i propri peccati, poi per quelli del popolo”. In quanto agnello senza macchia diviene sacrificio perenne di redenzione.

Prof. Rocco Pezzimenti
Nato a Roma il 6 maggio 1950
Laurea in Scienze politiche e in Filosofia
Docente di Storia delle Dottrine politiche alla L.U.I.S.S.
Autore di varie pubblicazioni
[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 4 novembre 2018 anche qui.

Vendi quello che hai e seguimi.

Mc 12, 28-34
Dal Vangelo secondo Marco

28Allora si avvicinò a lui uno degli scribi che li aveva uditi discutere e, visto come aveva ben risposto a loro, gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 29Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; 30amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. 31Il secondo è questo: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 32Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; 33amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici». 34Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 04 – 10 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 4 Novembre 2018 – P. Antonio Giordano, IMC
Articolo successivoCommento al Vangelo del 4 Novembre 2018 – don Giovanni Berti – Gioba