Commento al Vangelo del 31 dicembre 2017 – don Tonino Lasconi

166

Le grazie del Signore non sono finite

La festa della Famiglia di Nazaret potrebbe essere vissuta nel pessimismo e nella tristezza, per la famiglia “modello Nazaret” sempre più messa in discussione. Non sarebbe pensare “per fede”.

Nel libro delle Lamentazioni, c’è la preghiera accorata di un uomo che, identificandosi con lo stato disastroso di Gerusalemme e del suo popolo, si lamenta con Dio come se fosse stato da lui abbandonato. L’autore, identificato tradizionalmente e popolarmente con il profeta Geremia, descrive tutte le tribolazioni a cui si è sentito sottoposto: “Egli mi ha guidato, mi ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. Sono rimasto lontano dalla pace, ho dimenticato il benessere” (Lam 3, 2;17), manifestando uno stato d’animo fortemente sfiduciato. Questo stato d’animo potrebbe dominare la celebrazione della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe, collocata quest’anno dal calendario proprio nell’ultimo giorno dell’anno, quando il “mondo” impazza tra fuochi artificiali, baldorie, e pazzie per salutare il “vecchio” che lascia il posto al “nuovo”.

Pensando alla famiglia “modello Nazaret”, c’è poco, infatti, da festeggiare e da stare allegri. Questo anno che si chiude ha aggravato ulteriormente sia la situazione anagrafica della famiglia: sono sempre meno i giovani che scelgono il matrimonio cristiano; sono in continuo aumento le coppie, anche di praticanti e addirittura di cristiani “impegnati” che si separano; sia la situazione culturale: si sta sempre più diffondendo la convinzione, ossessivamente propagandata dai media, dalla politica, dalle élites, che la famiglia “tradizionale” sia ormai al tramonto, e destinata scomparire. E allora via con le lamentazioni. Sarebbe un grosso errore.

L’autore biblico, arrivato al culmine del lamento, cambia improvvisamente registro, ed esclama: “Le grazie del Signore non sono finite, non sono esaurite le sue misericordie” (Lam 3,22). Così dobbiamo pensarla anche noi. Da sempre accade che in certi momenti della storia e della vita personale tutto sembra andare lontano da Dio e dalle sue strade. Ma da sempre avviene che ciò che sembrava un crollo irreparabile si rivela l’inizio di nuove energie e di più limpide accoglienze del vangelo. Infatti – non dovremmo dimenticarlo mai, invece lo facciamo continuamente – “le vie del Signore non sono le nostre vie e i suoi pensieri non sono i nostri pensieri” (Is 55,8), perciò dovremmo esser sempre disponibili alle sue novità.

Questo ci ricordano anche i brani della Parola che la liturgia ci fa ascoltare e meditare in questa festa. Essi ci invitano ad avere fiducia nelle sue “grazie e misericordie” che non sono mai “finite” con dei personaggi umanamente vecchi ma spiritualmente giovanissimi. Abramo, nonostante gli anni corrano e il figlio promesso non arrivi, pur tra momenti di incertezza («Signore Dio, che cosa mi darai? Io me ne vado senza figli e l’erede della mia casa è Elièzer di Damasco»), “per fede” (afferma san Paolo) continua a credere che la sua stirpe sarà numerosa come le stelle del cielo. E il Signore glielo accreditò come giustizia.

Non meno sorprendenti sono i due anziani del vangelo. Simeone, sicuramente tra il pessimismo e le ironie degli frequentatori del tempio, continua imperterrito a credere allo “Spirito Santo che gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore”. Ed ha la gioia di accogliere il bambino Gesù tra le sue braccia. Come lui anche la profetessa Anna.

Così, mentre tutto sembrava che il mondo se ne andasse per suo conto, dimentico di lui, Dio invece era presente in un bambino che in uno sconosciuto e piccolo paese “cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e di grazia di Dio”.

“Per fede” come Abramo. “Per fede” come Sara. “Per fede” come Simeone e Anna, dobbiamo credere che “Le grazie del Signore non sono finite, non sono esaurite le sue misericordie”. Ci eravamo abituati a considerare famiglie “modello Nazaret” quelle annotate nei registri parrocchiali. Forse adesso cresceranno famiglie piene di sapienza e grazie di Dio. Poche? Poche come il lievito.

Fonte: Paoline

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 31 dicembre 2017 anche qui.

Domenica della Santa Famiglia, Gesù, Maria e Giuseppe – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Lc 2, 22-40
Dal Vangelo secondo Luca

 22Quando furono compiuti i giorni della loro purificazione rituale, secondo la legge di Mosé, portarono il bambino a Gerusalemme per presentarlo al Signore – 23come è scritto nella legge del Signore: Ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore – 24e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o due giovani colombi, come prescrive la legge del Signore. 25Ora a Gerusalemme c’era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e pio, che aspettava la consolazione d’Israele, e lo Spirito Santo era su di lui. 26Lo Spirito Santo gli aveva preannunciato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Cristo del Signore. 27Mosso dallo Spirito, si recò al tempio e, mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per fare ciò che la Legge prescriveva a suo riguardo, 28anch’egli lo accolse tra le braccia e benedisse Dio, dicendo: 29«Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, 30perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza, 31preparata da te davanti a tutti i popoli: 32luce per rivelarti alle genti e gloria del tuo popolo, Israele». 33Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. 34Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: «Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione 35– e anche a te una spada trafiggerà l’anima –, affinché siano svelati i pensieri di molti cuori». 36C’era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuele, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto con il marito sette anni dopo il suo matrimonio, 37era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. 38Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme. 39Quando ebbero adempiuto ogni cosa secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nàzaret. 40Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era su di lui.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 31 Dicembre 2017 – 06 Gennaio 2018
  • Tempo di Natale I
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO