Commento al Vangelo del 30 ottobre 2011 – don Domenico Luciani

12

Commento al Vangelo della XXXI Domenica del Tempo Ordinario a cura di don Domenico Luciani della Parrocchia Santa Croce a Passo Corese (RI).

Mt 23, 1-12
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù si rivolse alla folla e ai suoi discepoli dicendo: “Sulla cattedra di Mosè si sono seduti gli scribi e i farisei. Quanto vi dicono, fatelo e osservatelo, ma non fate secondo le loro opere, perché dicono e non fanno. Legano infatti pesanti fardelli e li impongono sulle spalle della gente, ma loro non vogliono muoverli neppure con un dito. Tutte le loro opere le fanno per essere ammirati dagli uomini: allargano i loro filatteri e allungano le frange; amano posti d’onore nei conviti, i primi seggi nelle sinagoghe e i saluti nelle piazze, come anche sentirsi chiamare ‘’rabbì’’ dalla gente.
Ma voi non fatevi chiamare ‘’rabbì’’, perché uno solo è il vostro maestro e voi siete tutti fratelli. E non chiamate nessuno ‘’padre’’ sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello del cielo. E non fatevi chiamare ‘’maestri’’, perché uno solo è il vostro Maestro, il Cristo.
Il più grande tra voi sia vostro servo; chi invece si innalzerà sarà abbassato e chi si abbasserà sarà innalzato”.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Scarica il file mp3

 

Articolo precedenteDialogo interreligioso – Assisi 27 ottobre 2011
Articolo successivoCommento al Vangelo del 30 ottobre 2011 – don Mauro Pozzi