Commento al Vangelo del 3 Marzo 2019 – Charles de Foucauld

175

CHARLES DE FOUCAULD

VIII DOMENICA DELTEMPO ORDINARIO – ANNO C

MEDITAZIONE NUM. 306

LC 6, 39-45

«Togli la trave dal tuo occhio prima di occuparti della paglia che è nell’occhio di tuo fratello»…

Come sei buono, mio Dio, che ami gli uomini, che non vuoi che si pensi male di loro, né che  ci si occupi del male che è in loro!… Come ami gli uomini, Tu che vuoi vedere tra tutti questi fratelli che compongono la tua famiglia umana, una tale pace, una tale concordia, una tale carità, e che prendi tutti i mezzi per farla regnare, come vietare, così come fai qui, ogni pensiero, ogni sguardo di natura da diminuire la stima reciproca…

Come sei buono, Tu che vuoi che gli uomini Ti amino con tutta l’estensione del loro cuore, e che non soltanto lo vuoi, ma lo ordini loro, non soltanto lo ordini loro, ma prendi i mezzi più efficaci per condurli a questa felicità, come proibire loro tutto ciò che, portando i loro sguardi, il loro spirito, la loro occupazione sulle creature, li distrarrebbe da Te, dalla Tua considerazione, dalla Tua contemplazione, e come proibire loro tutto ciò che rendendo il loro cuore amaro, li renderebbe meno capaci di amarTi!

Non occupiamoci dei difetti degli altri, occupiamoci dei nostri, per correggerci… Se abbiamo un pensiero di severità contro il prossimo, preghiamo subito per lui, e se l a colpa o il difetto sono reali, chiediamo a Dio di non caderci, e umiliamoci pensando che potremmo caderci come lui. «Lui oggi, io domani», diceva un solitario…

In più, umiliamoci di averlo osservato; se fossimo stati più persi in Dio, non avremmo visto questa colpa… Gettiamo a questa vista uno sguardo su di noi, sulle nostre colpe passate e presenti e riconosciamo che siamo molto più bassi addirittura… Soprattutto gettiamoci in Dio e supplichiamoLo di non lasciarci più vedere la terra, ma di non avere più occhi che per Lui e di vivere quaggiù come in una notte oscura, persi, inabissati, affondati in Lui, la nostra sola e sfavillante luce.

Traduzione a cura delle Discepole del Vangelo. Fonte

La vicenda spirituale di Charles de Foucauld (1858-1916) continua anche oggi ad essere motivo di interesse diffuso tra cristiani e non cristiani, poiché si affida a valori umani sempre più cercati, diventati ormai rari nelle nostre comunità civili: il primato di Dio, le relazioni umane, la cura del prossimo, la qualità della vita ordinaria.Il vangelo rimane la parola più autorevole per introdurre il credente ad una vita autentica. Charles de Foucauld ha sostato a lungo sui testi evangelici, per imparare a vivere in modo fedele un’esistenza degna di essere vissuta: una vita a imitazione di Gesù. Le meditazioni sul vangelo di Giovanni, che egli ha realizzato in Terra santa, possono essere considerate come un insieme di lezioni di vita cristiana, una raccolta di indicazioni pedagogiche per imparare, giorno dopo giorno, a seguire il Signore nella propria condizione di vita, in ascolto delle reali esigenze del mondo d’oggi.

Libro disponibile su Amazon.