Commento al Vangelo del 3 Giugno 2018 – Padre Giulio Michelini

96

 

La solennità del Corpus Domini, Corpo e Sangue di Cristo è una festa di precetto, che chiude il ciclo delle feste del periodo dopo Pasqua e celebra il mistero dell’Eucaristia, istituita da Gesù nell’ Ultima Cena. In occasione della solennità del Corpus Domini, dopo la celebrazione della Santa Messa, si porta in processione l’ostia consacrata per esporre alla pubblica adorazione Gesù, presente nel Santissimo Sacramento.

 Padre Giulio Michelini, biblista e teologo, introduce al mistero di questa solennità spiegando il Vangelo di Marco, dalla cappella del Pontificio Collegio Irlandese in Roma, davanti ai mosaici di padre Marko Ivan Rupnik. Insieme a padre Giulio, sul testo evangelico, il punto di vista di S.E. il Cardinale Angelo Scola, Arcivescovo emerito di Milano. I disegni sono di Stefania Pedna.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 3 Giugno 2018 – don Angelo Busetto
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 3 Giugno 2018 – Mons. Giuseppe Giudice