Commento al Vangelo del 25 ottobre 2015 – fr. Janvier Ague OFM.Cap

238

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Dal Vangelo secondo Marco

[ads2] In quel tempo, mentre Gesù partiva da Gèrico insieme ai suoi discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, che era cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. Sentendo che era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!».
Molti lo rimproveravano perché tacesse, ma egli gridava ancora più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!».
Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». Chiamarono il cieco, dicendogli: «Coraggio! Àlzati, ti chiama!». Egli, gettato via il suo mantello, balzò in piedi e venne da Gesù.
Allora Gesù gli disse: «Che cosa vuoi che io faccia per te?». E il cieco gli rispose: «Rabbunì, che io veda di nuovo!». E Gesù gli disse: «Va’, la tua fede ti ha salvato». E subito vide di nuovo e lo seguiva lungo la strada.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 – 31 ottobre 2015
  • Tempo Ordinario XXX, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo B | Anno I, Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

[divider]

Fra Janvier Agueh

  • Nato in Bénin:                     01-01-1974
  • Professione temporanea:  15-09-1998
  • Professione Perpetua:       20-12-2011
  • Ordinato sacerdote:           15-12-2012
Articolo precedenteIl Vangelo del Giorno, 22 ottobre 2015 – Lc 12, 49-53
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 25 ottobre 2015 – Azione Cattolica