Commento al Vangelo del 25 novembre 2018 – Mons. Antonio Interguglielmi

70

Pilato ha un grande interrogativo: ma questo uomo chi è veramente? E’ abituato a governare, conosce le persone e le sa valutare, ma dinanzi a Gesù sente che qualcosa lo tormenta. Si è accorto che quest’uomo annuncia la Verità. Pilato è profondamente colpito da quello che tutti chiamano “Il Nazareno”.

“Non aver a che fare con quel giusto; perché oggi fui molto turbata in sogno per causa sua” (Mt. 27,19), gli manda a dire sua moglie: Pilato non lo vuole condannare, ma è troppo preoccupato della sua posizione, della fama da difendere, della folla che chiede giustizia. E così trova un pretesto per non occuparsene e lo consegna alla crocifissione. Ma in fondo, anche se non lo fa lui direttamente, “lavandosi le mani” lo condanna.

Quante volte anche noi siamo come Pilato: preferiamo non prendere posizione, far finta di nulla di fronte agli interrogativi più profondi, per non abbandonare le nostre “ragioni”, per difendere la nostra posizione, la nostra “reputazione”.

E così, rifiutiamo di accogliere Cristo. In maniera elegante, come fa Pilato, senza comprometterci troppo. Nei fatti lo ignoriamo, lo deridiamo: “Ma allora sei tu il re dei Giudei?”. Proprio come Pilato.

Ma dentro il nostro cuore sentiamo l’inquietudine di Pilato, un turbamento profondo, come la sensazione di gettare via un’opportunità di verità, di felicità.

Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma)

Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B
NOSTRO SIGNORE GESÙ CRISTO RE DELL’UNIVERSO – Solennità

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 Novembre 2018 anche qui.

Tu lo dici: io sono re.

Gv 18, 33-37
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Pilato disse a Gesù: «Sei tu il re dei Giudei?». Gesù rispose: «Dici questo da te, oppure altri ti hanno parlato di me?». Pilato disse: «Sono forse io Giudeo? La tua gente e i capi dei sacerdoti ti hanno consegnato a me. Che cosa hai fatto?».
Rispose Gesù: «Il mio regno non è di questo mondo; se il mio regno fosse di questo mondo, i miei servitori avrebbero combattuto perché non fossi consegnato ai Giudei; ma il mio regno non è di quaggiù».
Allora Pilato gli disse: «Dunque tu sei re?». Rispose Gesù: «Tu lo dici: io sono re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per dare testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 Novembre – 01 Dicembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXIV
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteVangelo del giorno – 25 Novembre 2018 – don Lucio D’Abbraccio
Articolo successivoCommento (e immagine) al Vangelo di domenica 25 Novembre 2018 per bambini – Fano