Commento al Vangelo del 25 febbraio 2018 – Don Gian Franco Brusa

34

Trasfiguriamoci nell’interiorità

Il brano evangelico di questa seconda domenica di Quaresima riporta l’evento della Trasfigurazione.
Gesù, dopo aver insegnato per i villaggi di Cesarea di Filippi, chiamò a sé Pietro, Giovanni e Giacomo, gli apostoli più cari, e li invitò a salire con lui sul monte Tabor.

Giunti sulla cima, si trasfigurò cambiando aspetto: i suoi vestiti e il suo volto divennero così bianchi, così splendenti che, osserva Marco, nessun lavandaio avrebbe potuto renderli tali. Oltre a questo evento straordinario, i tre apostoli videro apparire anche Mosè ed Elia. Pietro fu molto spaventato dalla visione ma, nello stesso tempo, felice, tanto che propose a Gesù di preparare lì tre capanne: una per il Signore, una per Mosè e una per Elia e trattenersi un po’ di tempo in quel luogo.

All’improvviso si formò una nube che ricoprì tutti i presenti e si sentì una voce che invitava ad ascoltare Gesù in quanto Figlio molto amato da Dio. Gli apostoli, sbigottiti, si guardarono intorno, ma non videro nessuno.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Giunto il momento di scendere dal monte, Gesù raccomandò loro di non raccontare nulla di quanto avevano visto e sentito, se non dopo la sua morte e risurrezione. Pietro, Giovanni e Giacomo obbedirono al comando del Maestro, ma non riuscirono a comprendere ciò che significasse risorgere dai morti. Gesù allora spiegò loro che di lì a poco avrebbe passato momenti di sofferenza, che però sarebbero serviti per portare a compimento la piena volontà del Padre.

Il passo del Vangelo di Marco ci permette di affrontare alcune riflessioni. Gesù è venuto per la nostra salvezza e a volere la sua incarnazione è stata Dio, suo Padre. Il fatto di essere Figlio prediletto, non gli ha risparmiato ogni sorta di sofferenza e addirittura la morte, per poterci salvare. Attraverso la Trasfigurazione, attraverso questo cambiamento d’aspetto, Gesù ci mostra e rivela chi è Dio; nel suo volto splendente si manifesta la luce di Dio: non solo un’immagine esteriore, ma una trasformazione possibile grazie al fatto che Egli è Dio, come suo Padre. Gesù, poi, conferisce un nuovo significato alla sofferenza: essa fa parte della sua vita come della vita di tutti noi. Egli l’ha accettata ed è diventata la chiave che ci ha aperto le porte della vita eterna: infatti, le offese ricevute, le percosse e la morte non sono state inutili, ma sono servite alla nostra salvezza.

Anche noi, allora, come Gesù dobbiamo trasfigurarci, cioè dobbiamo cambiare aspetto nella nostra interiorità. E riusciremo nell’intento mettendo in pratica gli insegnamenti di Gesù, riconoscendolo come l’unico Salvatore, partecipando all’Eucarestia domenicale per prepararci efficacemente alla Pasqua.

Buona salita sul Tabor della nostra vita.

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della II Domenica del Tempo di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 Febbario 2018 anche qui.

Mc 9, 2-10
Dal Vangelo secondo Marco

2Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro 3e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. 4E apparve loro Elia con Mosé e conversavano con Gesù. 5Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosé e una per Elia». 6Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. 7Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». 8E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
9Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti.10Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 Febbraio – 03 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima II
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.