Commento al Vangelo del 25 febbraio 2018 – Charles de Foucauld

232

CHARLES DE FOUCAULD:
COMMENTI AL VANGELO DI MARCO

II DOMENICA DI QUARESIMA

MEDITAZIONE NUM. 215

Mc 9, 2-10

Trasfigurazione…

Come sei buono, mio Dio, a fortificare le anime con delle dolcezze, dei favori, nella misura in cui esse ne hanno bisogno per sopportare le croci future… S. Pietro, il fondamento della Chiesa, S. Giacomo, il primo apostolo martire, S. Giovanni, l’ultimo superstite dei dodici, colui che dovrà combattere più a lungo, salgono con Te al Tabor, dove doni loro sia questa prova perentoria della Tua divinità sia questo godimento indicibile della contemplazione della Tua bellezza radiosa…

Fortifichi la loro fede e il loro cuore in previsione delle lotte future… Come potrà venir meno la loro fede, dopo averTi visto nel fulgore della Tua Maestà divina? Come il loro cuore potrà ormai amare qualcosa di diverso da Te, dopo averTi visto nella Tua bellezza celeste?… Come sei buono, mio Dio, a dare sempre alle nostre povere anime, così deboli, forza, luce, amore nella misura che serve loro per compiere i lavori che Tu destini loro.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Più ci è dato, più ci sarà chiesto; chi ha ricevuto cinque talenti dovrà renderne altri cinque… Chi ha visto Gesù trasfigurato, dovrà amarLo, obbedirGli, imitarLo perfettamente ogni giorno della sua vita e dare se Dio lo vuole tutto il suo sangue per Lui come fecero i tre apostoli…

Se riceviamo grazie, ringraziamo, ma allo stesso tempo tremiamo, tremiamo all’idea di essere infedeli vedendo i nostri debiti aumentare e il nostro avere così misero, tremiamo all’idea di non pagare ciò che dobbiamo; ringraziamo, ma anche chiediamo, chiediamo di essere fedeli, che ogni grazia, ogni favore faccia salire queste due preghiere dai nostri cuori: Rendimi riconoscente, rendimi fedele…

Soprattutto che le grazie non ci rendano orgogliosi!… Sarebbe la follia delle follie! Innanzitutto, esse non vengono per niente da noi e sono un puro dono; poiché rendono la nostra fedeltà più difficile, i nostri doveri più grandi, il nostro compito più pesante, il nostro ideale più alto dinan zi a questi doveri che crescono…: lontano dall’inorgoglirci, dobbiamo sentire più profondamente la nostra debolezza, la nostra impotenza, la nostra incapacità, il nostro niente…

Dobbiamo vedere meglio, davanti a questo ideale più bello, quanto siamo lontani da esso; più il nostro modello è alto, più dobbiamo sentire la nostra bassezza; più Dio ci chiede, più dobbiamo sentire quanto poco Gli diamo…

Lontano dall’inorgoglirci, le grazie, i favori, i privilegi, più sono grandi, singolari, preziosi più dev ono umiliarci, e umiliandoci, gettarci nelle braccia di Dio con la preghiera, sentendo più che mai quanto è impossibile da noi stessi rispondere a tali obbligazioni e quanto abbiamo rifugio solo in Dio: Porti a termine Lui stesso in noi la Sua opera, Lui c he l’ha iniziata!…

Così come ogni grazia ci mette davanti agli occhi in caratteri di fuoco queste parole: « Sarà chiesto di più a colui che ha ricevuto di più».

 Traduzione a cura delle Discepole del Vangelo .

La vicenda spirituale di Charles de Foucauld (1858-1916) continua anche oggi ad essere motivo di interesse diffuso tra cristiani e non cristiani, poiché si affida a valori umani sempre più cercati, diventati ormai rari nelle nostre comunità civili: il primato di Dio, le relazioni umane, la cura del prossimo, la qualità della vita ordinaria.Il vangelo rimane la parola più autorevole per introdurre il credente ad una vita autentica. Charles de Foucauld ha sostato a lungo sui testi evangelici, per imparare a vivere in modo fedele un’esistenza degna di essere vissuta: una vita a imitazione di Gesù. Le meditazioni sul vangelo di Giovanni, che egli ha realizzato in Terra santa, possono essere considerate come un insieme di lezioni di vita cristiana, una raccolta di indicazioni pedagogiche per imparare, giorno dopo giorno, a seguire il Signore nella propria condizione di vita, in ascolto delle reali esigenze del mondo d’oggi.

Libro disponibile su Amazon.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della II Domenica del Tempo di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 25 Febbario 2018 anche qui.

Mc 9, 2-10
Dal Vangelo secondo Marco
2Sei giorni dopo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli. Fu trasfigurato davanti a loro 3e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. 4E apparve loro Elia con Mosé e conversavano con Gesù. 5Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosé e una per Elia». 6Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati. 7Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». 8E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
9Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. 10Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 25 Febbraio – 03 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima II
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[amazon_link asins=’B00RNBTSDE’ template=’ProductGrid’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1de65de7-b4bb-11e7-b59d-2190095dd799′]