Commento al Vangelo del 24 Maggio 2020 – p. Ermes Ronchi

226

- Pubblicità -

Ascensione, Dio con noi fino alla fine del mondo

Padre Ermes Ronchi commenta il brano del Vangelo di domenica 24 maggio 2020.

padre Ermes Ronchi
padre Ermes Ronchi

I discepoli sono tornati in Galilea, su quel monte che conoscevano bene. Quando lo videro, si prostrarono. Gesù lascia la terra con un bilancio deficitario: gli sono rimasti soltanto undici uomini impauriti e confusi, e un piccolo nucleo di donne coraggiose e fedeli. Lo hanno seguito per tre anni sulle strade di Palestina, non hanno capito molto ma lo hanno amato molto.

E ci sono tutti all’appuntamento sull’ultima montagna. Questa è la sola garanzia di cui Gesù ha bisogno. Ora può tornare al Padre, rassicurato di essere amato, anche se non del tutto capito. Adesso sa che nessuno di quegli uomini e di quelle donne lo dimenticherà. Essi però dubitarono… Gesù compie un atto di enorme, illogica fiducia in persone che dubitano ancora. Non rimane ancora un po’, per spiegare meglio, per chiarire i punti oscuri. Ma affida il suo messaggio a gente che dubita ancora. Non esiste fede vera senza dubbi.

I dubbi sono come i poveri, li avremo sempre con noi. Ma se li interroghi con coraggio, da apparenti nemici diverranno dei difensori della fede, la proteggeranno dall’assalto delle risposte superficiali e delle frasi fatte. Gesù affida il mondo sognato alla fragilità degli Undici, e non all’intelligenza di primi della classe; affida la verità ai dubitanti, chiama i claudicanti ad andare fino agli estremi della terra, ha fede in noi che non abbiamo fede salda in lui. […]

[Continua a leggere tutto il testo del commento su Avvenire]


AUTORE: p. Ermes Ronchi
FONTE: Avvenire
SITO WEB
CANALE YOUTUBE

PAGINA FACEBOOK

INSTAGRAM

TWITTER

Articolo precedentedon Fabio Rosini – Commento al Vangelo di domenica 24 Maggio 2020
Articolo successivoEsegesi e meditazione alle letture di domenica 24 Maggio 2020 – don Jesús GARCÍA Manuel