Commento al Vangelo del 22 Luglio 2018 – don Angelo Busetto

149

Il distacco e il riposo

Non soltanto il clima dell’estate: anche Gesù ci invita al riposo e alla solitudine. Il distacco dalle cose fatte e da quelle da fare ci libera dal peso e dall’affanno, neanche fossimo i padroni del mondo o i conduttori della locomotiva della vita.

A qualunque livello, l’efficientismo logora e sfianca. Papa Francesco parla addirittura della tentazione del pelagianesimo, quando si pensa di risolvere il dramma della vita attraverso l’impegno e l’attivismo (vedi esortazione apostolica Gaudete et exsultate). Purtuttavia non bastano appena il riposo o la solitudine a salvarci.

Non basta calmare gli impulsi e scendere nel profondo dell’anima. Invece, è lo stare in compagnia con Gesù, il quale appunto dice: «Venite», volendo coinvolgerci nel suo rapporto con il Padre. Questa è la sorgente della novità e della bellezza, la scoperta dell’origine della vita e l’esperienza della comunione con Lui. Il Vangelo dice che poi Gesù e gli apostoli non riescono a sottrarsi alla folla.

Nella compagnia di Gesù è ancora possibile reggere l’urto degli avvenimenti e la sorpresa delle persone.  

Fonte: Vatican Insider

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XVI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 Luglio 2018 anche qui.

Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 6, 30-34

Erano come pecore che non hanno pastore.

30Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. 31Ed egli disse loro: «Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po’». Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero.
34Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO