Commento al Vangelo del 22 aprile 2018 – Don Gian Franco Brusa

83

Gesù ci rende veri figli di Dio

Stiamo celebrando la domenica, festa del Risorto, nel tempo di Pasqua. In queste settimane la Chiesa ci educa a cogliere i segni della presenza di Cristo nella storia di oggi. La Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni, che ricorre proprio questa domenica, richiama l’attualità della proposta evangelica e soprattutto l’attrazione suscitata da Gesù. Non si insegue un ideale, non ci si mette al servizio dell’azienda-Chiesa, non si segue l’insegnamento di un moralista, ma si aderisce a Cristo, che passa sulla strada della nostra vita e ci interpella.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Viviamo in una società anonima, amorfa, dove ognuno di noi è essenzialmente un numero, dove talvolta si preferisce stare nel branco, vivere nel conformismo, non assumersi le proprie responsabilità. Gesù compie un percorso diverso: interviene per avviare un rapporto personale, a tu per tu, dà l’esempio come buon pastore disposto a donare la vita per il gregge. Cristo non è un mercenario: non vuole sfruttare nessuno, ma permette a tutti di avere una vita davvero riuscita, felice perché donata, impegnata al servizio di Dio e dei fratelli. Egli desidera dire a tutti che c’è il lupo, cioè il pericolo, rappresentato dalle tentazioni del Maligno, dalle proposte del nulla, dagli ideali che deludono. Ma soprattutto ama indicare il bene, il positivo, la via per affrontare la vita nell’amore, nella crescita autentica; suggerisce dove trovare il senso della quotidianità, come riempire il vuoto diffuso, specialmente nel cuore dei giovani.

Gesù non è lontano da nessuno, non si spaventa dei nostri limiti o del nostro peccato. Anzi, come buon pastore ci avvicina più volentieri, perché sa che, convertendoci a Lui, possiamo vivere da veri figli di Dio, attingere nuove energie, dare una svolta alla nostra vita. Egli ha fiducia in ciascuno di noi molto più di quanto noi abbiamo fiducia in noi stessi. Come un giorno ha chiamato gli apostoli, così oggi chiama ancora a lavorare per lui e con lui. E la vocazione si radica nell’amore. Non è un fatto organizzativo: esige una passione, parte da un innamoramento, richiede un calore di ascolto, di partecipazione, di fiducia. Identificandosi buon pastore, o meglio, “bel pastore”, Gesù dimostra di conoscerci, ci chiama per nome e non ci lascia mai soli. È lì attento a guidare, a proteggere, a difendere noi tutti sue pecore, una volta intrapresa la strada da percorrere.

Cristo non è un pastore regale come lo erano i capi del popolo di Dio, è invece uno di noi, piccolo, povero, umile, capace di dare la vita per il suo gregge. La salita al Calvario, gli oltraggi subiti e la morte in croce attestano quanto ci abbia amati fino a sacrificarsi per noi. Contrariamente al buon pastore, il mercenario, che non ama, sfrutta il gregge e, con l’avvicinarsi del pericolo, fugge, lasciandolo in balia del lupo di turno, perché non gli appartiere. Oggi con l’offerta della nostra preghiera al Signore, invochiamo il dono delle vocazioni sacerdotali e di particolare consacrazione, sempre più modellate all’immagine del Cristo unico, vero buon Pastore. Chiediamolo modo particolare per la nostra amata Chiesa eusebiana.

Buona domenica

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

IV Domenica del Tempo di Pasqua

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 22 Aprile 2018 anche qui.

Gv 10, 11-18
Dal Vangelo secondo Giovanni

11Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la propria vita per le pecore. 12Il mercenario – che non è pastore e al quale le pecore non appartengono – vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge, e il lupo le rapisce e le disperde; 13perché è un mercenario e non gli importa delle pecore. 14Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15così come il Padre conosce me e io conosco il Padre, e do la mia vita per le pecore. 16E ho altre pecore che non provengono da questo recinto: anche quelle io devo guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore. 17Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. 18Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo è il comando che ho ricevuto dal Padre mio».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 22 – 28 Aprile 2018
  • Tempo di Pasqua IV
  • Colore Bianco
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.