Commento al Vangelo del 20 Gennaio 2019 – don Armando Volpi

46

Il primo dei «segni» compiuto da Gesù

L’elemento visivo più appariscente nelle nostre celebrazioni domenicali, da oggi, torna ad essere verde indossato. Questo colore ci dice che siamo entrati o, meglio, con questa domenica, che inizia il cosiddetto «Tempo Ordinario» dell’Anno Liturgico. Se non stiamo ben attenti questa dizione potrebbe indurci in errore. Dire Tempo Ordinario, infatti, farebbe supporre che ve ne siano altri che potremmo definire «straordinari», quali, ad esempio: Avvento, Natale, Quaresima, Pasqua. Quindi, potremmo concludere che è un tempo nel quale impegnarci poco (come di fatto accade). Che errore! Come è possibile non renderci conto che la bellezza, la grandezza, la fruttuosità di ciò che è straordinario nasce proprio da ciò che è ordinario perché da esso generato? Mi viene da paragonare il tempo ordinario all’autunno inoltrato quando i nostri trattori solcano i campi incolti, rovesciando la terra e, poi, vi nascondono dentro il seme. Un fatto che avviene nel silenzio, nel nascondimento. Ma possiamo dire che tutto questo è di minore importanza della raccolta del grano o meno bello del biondeggiare dei campi? Anzi, bisogna dire che l’ordinario e l’umile lavoro della coltratura della terra è la cosa più importante perché premessa necessaria e indispensabile perché vi possa essere un raccolto.

È dal Tempo Ordinario della Liturgia che sono nati in seguito i Tempi così detti «forti». Infatti l’unica vera «festa» cristiana è la Pasqua dalla quale scaturiscono tutti i giorni santi che celebriamo con solennità. La «festa primordiale» celebrata dai cristiani è stata la Domenica, giorno nel quale fin dall’inizio dell’era cristiana i discepoli del Signore si riunivano per ascoltare la Parola di Dio e celebrare la Cena del Signore. Le altre solennità e feste sono nate dopo per sottolineare l’uno o l’altro aspetto della Pasqua celebrata nella sua globalità nel «giorno del Signore» nel «giorno del sole» come in antico si chiamava la domenica. Pertanto è la Domenica che dà senso e significato alle altre feste e non il contrario. Si può dire che chi non celebra abitualmente la Domenica non può comprendere nel loro vero significato le altre feste, Natale compreso.

Ma veniamo ora a riflettere un poco sul primo «segno» compiuto da Gesù raccontato dall’evangelista Giovanni. E’ di grande significato che Giovanni chiami «segni» i gesti straordinari di Gesù che gli altri evangelisti chiamano «miracoli». Perché? Perché dicendo «miracolo» noi siamo portati a considerare la eccezionalità e il beneficio che dal «gesto» compiuto da Gesù ne deriva. Per cui, siamo tentati di apprezzare i doni che Gesù fa più che la persona che Lui è. (Non è forse vero che alcuni sono alla ricerca esagerata di questi segni tanto da farli fondamento della loro fede?). Se invece queste azioni straordinario le chiamiamo «segni», evidentemente non siamo attaccati ad essi, ma siamo spinti ad accogliere e amare ciò che significano. Nessuno, infatti, si ferma a guardare il dito che indica una stella, ma, seguendo l’indicazione, cerca la stella e, una volta trovata, ne gode.

Allora, cosa vuol dire il «segno» del cambiamento dell’acqua in vino nel corso di un pranzo di nozze? Sono due i significati intrecciati tra loro. L’unione dell’uomo e della donna, fin dall’inizio della creazione è «cosa molto buona» e Dio ha scelto il matrimonio come segno del suo amore per il Popolo d’Israele. Questo è il primo significato. Il secondo rafforza il primo dicendoci che l’unione di amore che lega Dio al suo Popolo si è realizzata definitivamente in Gesù Crocifisso che ha generato la Chiesa nel momento della sua morte. Si legge nella Costituzione Liturgica: «Dal costato di Cristo che dorme (da cui sono sgorgati sangue ed acqua) è sgorgato il meraviglioso sacramento dell’intera Chiesa», sposa del Cristo. L’unione sponsale di due cristiani è inserita in questo mistero sponsale che unisce Cristo alla Chiesa e di ciò è «segno», cioè sacramento.

don Armando Volpi – Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

SECONDA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 20 Gennaio 2019 anche qui.

Gv 2, 1-12 Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela». Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui. C: Parola del Signore. A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO [/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.