Commento al Vangelo del 2 Dicembre 2018 – Paoline – Avvento per giovani – Prima settimana

146

Materiale proposto dal sito paoline.it (con file PDF da scaricare), è consigliato leggere anche l’introduzione al percorso proposto.

Lavori in corso

Prepariamo la nostra casa perché sia confortevole togliendo qualcosa che non serve.

«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle…»
C’è una cosa che in casa non ci piace fare ma… sembra di sentire la voce della mamma che ce la ordina: sistemare! La prima cosa che è bene fare quando arriva qualcuno a trovarci, anche se facciamo fatica, è fare un po’ di pulizia.
Cosa togliamo? Il Vangelo ci parla di segni che avverranno. Allora laviamo bene i vetri delle finestre per vedere quello che c’è fuori. Davanti ai segni di cui ci parla Luca, noi dobbiamo avere l’occhio trasparente, la capacità di vedere quello che succede e riconoscere da dove arrivano per discernere cosa vogliono dirci. Il brano parla un linguaggio apocalittico; ma l’evangelista ci suggerisce di cogliere i piccoli segni e capire, alla luce della Parola, cosa indicano per la nostra vita.
«Che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita…»
Siamo invitati anche, ahimè, a spolverare. La polvere è quella materia quasi impercettibile che ricopre tutto di una sottile e sgradevole patina bianca. Potremmo paragonarla a quei pensieri che appesantiscono la nostra vita, agli affanni. Non sono vere e proprie macchie, difetti o peccati ma sono tutte quelle situazioni in cui ci arrovelliamo il cervello e il cuore e che coprono la bellezza della nostra anima. Polvere è la frenesia, le mille cose da fare, le sollecitazioni che il mondo ci offre e che però ci lasciano sepolti, imbiancati. Una volta eliminate, noi risplendiamo di leggerezza e gioia.

E tu che cosa toglieresti?

Prepara la festa

Tutta la nostra vita è quel luogo pronto ad accogliere Gesù che nasce oggi per noi e in noi; cerchiamo un atteggiamento da vivere.

«Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi…»
Il nostro ospite arriva! Prepariamo un bel cartello di benvenuto da appendere alla porta. Noi non abbiamo paura di colui che viene perché lo conosciamo, dal Vangelo abbiamo intuito che il suo amore per noi è grande. La nostra vita quotidiana e concreta si colora di senso perché, se Dio si è incarnato, ciò che è umano è importante e possiamo sentirci parte della vita che certo soffre e piange ma che produce altra vita. «Il presente porta nascite nel grembo» scrive padre Ermes Ronchi.
«Vegliate in ogni momento pregando…»
L’attesa è preparazione attenta, cura dei particolari. Prepariamo un dolce. Fare una torta richiede precisione nelle quantità, attenzione ai tempi, passione e… parla di festa. L’attesa è gioia, è speranza di un futuro. È stare con gli occhi al cielo con l’allegria tipica dei bambini perché Gesù, il nostro amico atteso, ci porterà in dono la sua consolante amicizia. A noi il compito ora di custodire il sogno, di coltivarlo con tenerezza.

E tu cosa prepareresti?

Parole sussurrate

Componiamo una preghiera: segno del desiderio di ciò che vogliamo dire al nostro ospite Gesù.

O Gesù, caro amico,
ogni anno tu nasci per noi nel Natale.
Desidero gustare la tua attesa,
prepararmi ad incontrarti con nuovo slancio.
Aiutami a vivere questo tempo
come occasione per conoscerti meglio attraverso la Parola
e a volerti più bene attraverso la preghiera.
Insegnami la pazienza di stare con il naso all’insù
e con tutti i sensi svegli per percepire e cogliere
i segni della bellezza della vita in me e negli altri e della tua presenza.
E con te, tutto sarà una festa.

E tu cosa diresti?

Aggiungi un posto a tavola

Adesso tocca ad un testimone, qualcuno che ci parlerà, per esperienza, di Gesù, il nostro ospite atteso. Guarda il video.

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

I DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 dicembre 2018 anche qui.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 21,25-28.34-36
 
«Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte.
Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria.
Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.
State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere, e di comparire davanti al Figlio dell’uomo».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento I,
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedentePerché la confessione è obbligatoria per chi è in peccato grave?
Articolo successivoMeditazione Mattutina di Papa Francesco del 29 Novembre 2018 a casa Santa Marta