Commento al Vangelo del 18 novembre 2018 – Mons. Antonio Interguglielmi

114

La nostra vita è un cammino. Un cammino pieno di imprevisti e di strade sbagliate, con tempi di neve o di temporali e stagioni più miti.
Si procede avanti, come si può, anche con tante difficoltà, ma una cosa è fondamentale: avere presente qual è la nostra destinazione, capire in altre parole, il senso della nostra vita.

L’uomo è ormai capace di cose straordinarie, la scienza sta creando delle novità impensabili fino a qualche anno fa, ma rimane sempre in ogni uomo la domanda fondamentale: perché vivo. “Quale profitto viene all’uomo da tutta la sua fatica e dalle preoccupazioni del suo cuore, con cui si affanna sotto il sole”, come si legge nel libro del Qoèlet?

C’è un tempo, ci sono concesse delle occasioni per scoprire il senso del “perché vivo”, per incontrare il Signore, colui che ci ha creato. Il tempo è quello che stiamo vivendo. Per questa ragione vivere “con sapienza” significa saper approfittare di questo tempo, cogliere le possibilità di trovare Cristo.

In realtà, scopriremo che è Lui che ci sta cercando, da sempre. E’ Lui dietro quel regalo inaspettato, c’è Cristo nascosto nei desideri d’amore del nostro cuore.

Incontrare Cristo vuol dire trovare finalmente la ragione profonda della nostra vita, poter vivere dando il frutto più bello che Lui ci dona: la capacità di amare e di perdonare.

Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma)

Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXIII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 18 novembre 2018 anche qui.

Mc 13, 24-32
Dal Vangelo secondo Marco

24In quei giorni, dopo quella tribolazione,
il sole si oscurerà,
la luna non darà più la sua luce,
25le stelle cadranno dal cielo
e le potenze che sono nei cieli saranno sconvolte.
26Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire sulle nubi con grande potenza e gloria. 27Egli manderà gli angeli e radunerà i suoi eletti dai quattro venti, dall’estremità della terra fino all’estremità del cielo.
28Dalla pianta di fico imparate la parabola: quando ormai il suo ramo diventa tenero e spuntano le foglie, sapete che l’estate è vicina. 29Così anche voi: quando vedrete accadere queste cose, sappiate che egli è vicino, è alle porte.
30In verità io vi dico: non passerà questa generazione prima che tutto questo avvenga. 31Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno.
32Quanto però a quel giorno o a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 18 – 24 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXIII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 18 Novembre 2018 – p. Alessandro Cortesi op
Articolo successivodon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2018