Commento al Vangelo del 18 marzo 2018 – P. Antonio Giordano, IMC

91

 Stiamo giungendo al termine del cammino quaresimale, entriamo nell’ultima Settimana di vita terrena di Gesù. La prossima domenica delle palme, con  l’ingresso messianico di Gesù sull’asinello, in Gerusalemme, ci introduce nella Settimana Santa.

Avvenimenti e parole sono già prefigurazione della Passione:

– Il tema di fondo è “è giunta l’ora”, l’ora di Gesù. Giovanni prima disse diverse volte: “non era ancora giunta la sua ora”, quindi nessuno l’aveva potuto arrestare;  questa è l’ora stabilita dal Padre, non dagli uomini; nessuno può toccare Gesù prima che giunga quell’ora stabilita dal Padre, in cui Cristo si dà liberamente alla morte per arrivare alla risurrezione.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

– «In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna….. Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! Padre, glorifica il tuo nome». 

– Le nostre apparenti contraddizioni:

Morire per risorgere;
Morire alla vita attuale per raggiungere la vita nuova
Morire alle cose temporanee per arrivare alle cose eterne
Morire nel nostro corpo per dare la vita eterna all’anima
Non abbiamo altra scelta: la nostra vita temporale finirà e presto, se con essa compriamo la vita eterna, siamo fortunati, se no saremo sfortunati per sempre. Di fronte a questa situazione cosa ci chiede Gesù: “Di credere alle sue parole”.

– Se l’anima si innamora di Dio, tutte le rinunce, le pene, la morte temporali diventano cosa leggera e facile. Se invece l’anima si chiude nella sua piccolezza materiale e temporale di questa vita passeggera, tutto quello che porta all’eterno diventa estremamente pesante e difficile. Non è la sofferenza o la pena che sono diventate grandi, ma è l’anima che è diventata piccola, quindi incapace di sollevarsi oltre le cose materiali. Allarghiamo l’anima nostra credendo alle parole di Gesù, nutrendola dei Sacramenti, specialmente dell’Eucaristia.

– Se il chicco di frumento non muore nel terreno, non porta frutto, ma quando muore porta frutto abbondante: lo sappiamo, lo vediamo attorno a noi, e perché non ci crediamo? Ci sono tre nemici che ci insidiano continuamente la nostra fede:
1. il mondo con la sua concupiscenza, che è vanità passeggera e falsa
2. il demonio che è furbo ed usa la sua astuzia per impedirci di credere alle parole di Gesù,
3. il nostro io superbo e vanaglorioso, che non vuole piegarsi alla fede in Dio.

– La Messa domenicale è il momento propizio per vincere questi tre nemici:

a – le letture ci danno la Parola di Dio a cui dobbiamo credere; credere richiede un atto della nostra libertà, della nostra volontà; nessuno può credere per me; o ci credo io o rimango senza fede.
b – il Sacrificio di Cristo, ostia pura offerta al Padre, sconta il debito dei nostri peccati; non solo l’offerta in croce, ma con la risurrezione, la vittoria, la glorificazione che Cristo paga per noi.
c – la Comunione ci nutre con il pane dei forti. Se ci sentiamo deboli, questo è il pane che ci rende forti: lo si mangia non solo con la bocca, ma con il cuore e l’anima in un totale atto di fede.

– La Madonna era accanto a Gesù con il suo cuore durante tutta la vita pubblica; siamolo anche noi con la nostra fede.

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della Quinta Domenica di Quaresima – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 18 Marzo 2018 anche qui.

Gv 12, 20-33
Dal Vangelo secondo Giovanni
20Tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa c’erano anche alcuni Greci. 21Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsàida di Galilea, e gli domandarono: «Signore, vogliamo vedere Gesù». 22Filippo andò a dirlo ad Andrea, e poi Andrea e Filippo andarono a dirlo a Gesù. 23Gesù rispose loro: «È venuta l’ora che il Figlio dell’uomo sia glorificato. 24In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. 25Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. 26Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà. 27Adesso l’anima mia è turbata; che cosa dirò? Padre, salvami da quest’ora? Ma proprio per questo sono giunto a quest’ora! 28Padre, glorifica il tuo nome». Venne allora una voce dal cielo: «L’ho glorificato e lo glorificherò ancora!». 29La folla, che era presente e aveva udito, diceva che era stato un tuono. Altri dicevano: «Un angelo gli ha parlato». 30Disse Gesù: «Questa voce non è venuta per me, ma per voi. 31Ora è il giudizio di questo mondo; ora il principe di questo mondo sarà gettato fuori. 32E io, quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me». 33Diceva questo per indicare di quale morte doveva morire.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 18 – 24 Marzo 2018
  • Tempo di Quaresima V
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO