Home / Vangelo della Domenica / Commento al Vangelo del 17 Marzo 2019 – Charles de Foucauld

Commento al Vangelo del 17 Marzo 2019 – Charles de Foucauld

CHARLES DE FOUCAULD

II DOMENICA DI QUARESIMA – ANNO C

MEDITAZIONE NUM. 239

Lc 9,28b-36

«Questo è il mio Figlio beneamato: ascoltateLo».

Mio Dio, poiché la Tua bontà Ti spingeva a farci del bene, a farci partecipare alle ricc hezze della Tua santità, e  della Tua gloria, a  istruirci sul modo di amarTi, di piacerTi, di ottenere    il cielo, Tu potevi farlo istruendoci ciascuno con la Tua grazia, inviandoci dei profeti, degli angeli, facendoci istruire da una Chiesa infallibile… E l’ hai fatto, lo fai… Ciò avrebbe  potuto bastarTi; ma non Ti è bastato… La Tua carità divina ha voluto fare di più: Amore, Tu agisci secondo la natura del Tuo essere, per amore, e le Tue opere sono amorevoli fino alla fine, senza fine: «In finem dilexit eos1»… Il Tuo amore ha voluto fare più di tutto questo per noi, sebbene fosse già un beneficio immenso; e il Tuo Cuore ha trovato, ha inventato di inviarci come precettore il Tuo Figlio Beneamato, cioè Te stesso.

AscoltiamoLo… ObbediamoGli: ci parla  con la Sua  bocca; adempiamo i  Suoi minimi pareri, i Suoi minimi consigli, conformiamoci con tutto il nostro cuore a tutte le Sue parole… Ci parla con i Suoi esempi: conformiamoci con tutto il nostro cuore a tutti quelli tra i  Suoi  esempi che riguardano il genere di vita al quale ci chiama… Sottomettiamo i nostri desideri,  le nostre mire di perfezione, al nostro direttore spirituale, non per limitarli, ma per regolarli, non per imitare meno Nostro Signore, ma per imitarLo meglio. Questo per quattro ragioni principali:

1° La prima cosa nella quale dobbiamo imitare Nostro Signore è quello che Lui ha fatto costantemente durante tutti gli istanti della Sua vita, cioè: obbedire a Suo Padre; ora il solo mezzo certo per noi per fare la volontà di Dio, è obbedire in tutto al direttore spirituale, del quale Egli ha detto: «Chi ascolta voi, ascolta me».

2° Le parole e gli esempi di Nostro Signore sono da noi conosciuti attraverso la Sacra Scrittura; ora non dobbiamo interpretarla da noi stessi, senza il controllo di un delegato autentico della Chiesa, sotto pena di sbagliarci molto: «Omnis interpretatio scripturae spiritu proprio non fit2».

3° Una volta conosciuto e interpretato il senso della Sacra Scrittura, secondo l’insegnamento della Santa Chiesa, bisogna sapere quali sono le parole e gli esempi di Nostro Signore che si applicano a noi personalmente, quali sono quelli che si applicano a noi pienamente, o solo parzialmente, o che non si applicano affatto a noi (per esempio: Dio non ordina a tutti di andare a «predicare», in tutta l’estensione della parola, sebbene tutti noi dobbiamo predicare con l’esempio e tutti quelli che parlano e agiscono devono predicare in un certo modo attraverso tutte le loro parole e tutte le loro azioni).

4° Avendo ben compreso l’insegnamento di Nostro Signore, e  avendo  conosciuto  bene quello che Lui  vuole da noi in  particolare, rimane da  sapere come compiere questa volontà  di Dio, rimangono da sapere i modi pratici per conformarci alle parole e agli  esempi  di Nostro Signore, come Egli vuole da noi. Si può conoscere questo con certezza solo consultando il direttore spirituale del quale ha detto: «Chi ascolta voi ascolta me» e obbedendo a lui come a Dio stesso in nome del quale egli parla 3.

1 «Li amò fino alla fine».

2 «Nessuna interpretazione della Scrittura sia fatta secondo il giudizio personale».

3 Traduzione a cura delle Discepole del Vangelo.

Traduzione a cura delle Discepole del Vangelo. Fonte

La vicenda spirituale di Charles de Foucauld (1858-1916) continua anche oggi ad essere motivo di interesse diffuso tra cristiani e non cristiani, poiché si affida a valori umani sempre più cercati, diventati ormai rari nelle nostre comunità civili: il primato di Dio, le relazioni umane, la cura del prossimo, la qualità della vita ordinaria.Il vangelo rimane la parola più autorevole per introdurre il credente ad una vita autentica. Charles de Foucauld ha sostato a lungo sui testi evangelici, per imparare a vivere in modo fedele un’esistenza degna di essere vissuta: una vita a imitazione di Gesù. Le meditazioni sul vangelo di Giovanni, che egli ha realizzato in Terra santa, possono essere considerate come un insieme di lezioni di vita cristiana, una raccolta di indicazioni pedagogiche per imparare, giorno dopo giorno, a seguire il Signore nella propria condizione di vita, in ascolto delle reali esigenze del mondo d’oggi.

Libro disponibile su Amazon.

VEDI ANCHE

Commento al Vangelo di domenica 26 Maggio 2019 – Enzo Bianchi

“Lo Spirito santo, il Consolatore, vi insegnerà ogni cosa” In questo tempo pasquale la chiesa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.