Commento al Vangelo del 17 Giugno 2018 – mons. Vincenzo Paglia

32
mons. Vincenzo Paglia
mons. Vincenzo Paglia

Leggendo i Vangeli, ci si rende conto immediatamente di quanto sia centrale nella predicazione di Gesù il tema del “regno di Dio”. Marco caratterizza in questo senso la predicazione di Gesù fin dall’inizio: “Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo” (1,15), annuncia il giovane profeta di Nazareth a coloro che incontra per le strade e sulle piazze della Galilea.

Non proclama semplicemente l’esistenza del Regno – verità ben nota ai suoi ascoltatori – ma che quel regno si è avvicinato agli uomini. Non c’è quindi più tempo da perdere: è necessario e urgente decidersi. Chi non si lascia coinvolgere mette in pericolo la sua stessa salvezza. Il Regno non è, come qualcuno potrebbe pensare, di là da venire, un evento futuro che non riguarda personalmente gli ascoltatori. Al contrario, è ormai vicino, anzi in mezzo agli uomini. Insomma, la salvezza c’è già da ora. Per questo il male e il suo potere sono sconfitti alla radice.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

Il tempo del loro trionfo è finito e ne è iniziata la rovina definitiva. Questa è la buona notizia – il “Vangelo” – che Gesù è venuto a portare agli uomini e chiede di decidersi ad accoglierla. La decisività di tale annuncio spinge Gesù ad usare ogni mezzo, compreso il genere letterario delle parabole, perché gli ascoltatori comprendano l’arrivo del Regno e la sua opera nella vita degli uomini.

Gesù sa bene che dalla comprensione del Vangelo del Regno dipende la salvezza dei suoi ascoltatori. Non è una tra le tante verità da apprendere, è il cuore del messaggio. Le parabole, perciò, non vogliono nascondere il mistero del regno. Al contrario, cercano di coinvolgere più efficacemente gli uditori nella realtà che significano attraverso immagini evidenti. La concretezza delle immagini spinge come a toccare con mano il mistero che esse nascondono.

Il brano evangelico riporta due parabole del Regno. La prima racconta un fatto che gli ascoltatori conoscono bene: la semina. “Così è il regno di Dio – comincia a dire Gesù – come un uomo che getta il seme sul terreno”; terminata la seminagione, il contadino attende pazientemente e senza troppe preoccupazioni il tempo del raccolto. La terra spontaneamente (“automaticamente”, dice il testo greco) porta i suoi frutti. Verrà quindi il tempo della mietitura e allora il contadino potrà ammassare il raccolto dei suoi campi.

Gesù richiama l’attenzione degli ascoltatori al “lavoro” che il seme compie, per sua energia interna, dal periodo della semina sino alla maturazione della pianta. Non c’è dubbio che voglia portare conforto agli ascoltatori. Dobbiamo forse pensare alla comunità cristiana cui si rivolgeva Marco, la quale viveva momenti molto difficili di persecuzione. E senza dubbio i credenti si chiedevano dove fosse la forza del Vangelo, e perché il male e le difficoltà sembravano vincere su tutto. Gesù era forse morto e risorto invano? Talora anche noi, sebbene in condizioni diverse da quelle della comunità di Marco, pensiamo cose analoghe.

Quante volte, ad esempio, sentiamo ripetere frasi come queste: “Dopo tanti anni di predicazione evangelica, come mai il mondo è ancora così pieno di cattiveria?”, oppure: “Dov’è il regno di Dio e la sua forza?”. Ebbene – risponde Gesù – come il seme, una volta gettato a terra, spunta e produce frutto, così è per il Regno di Dio. I credenti debbono sapere che il Signore stesso è all’opera nella nostra vita e nella storia degli uomini e in lui dobbiamo riporre tutta la nostra fiducia. Il male non prevarrà, assicura il Signore. Il Regno è iniziato perché il Signore ci è vicino. Il Regno agisce perché il Signore è all’opera. Ovviamente Gesù non vuole sminuire il nostro impegno, né invitare a dormire e ad adagiarsi nella convinzione che il Regno cresca e si sviluppi comunque. Il testo evangelico sottolinea unicamente che la sovranità di Dio sul male è ormai definitiva.

La parabola seguente continua a paragonare il Regno di Dio ad un piccolo seme, anzi al più piccolo di tutti: quello della senape. Ovviamente non è casuale l’insistenza sulla piccolezza del seme. Non si fanno cose grandi perché si è potenti o perché si è grandi. Nel Regno di Dio avviene esattamente il contrario di quanto accade tra gli uomini. “Chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti”, dice Gesù ai discepoli. Colui che si fa piccolo e umile produce molto frutto. Il piccolo seme di senape quando cresce diviene un arbusto alto anche tre metri e gli uccelli riescono a posarsi e talora anche a nidificare su di esso. Gesù dice che il Regno di Dio ripercorre la stessa vicenda di questo piccolo seme. Il Regno perciò non si impone per la sua potenza esteriore e per la sua grandiosità.

Al contrario segue una logica diversa da quella del mondo: sceglie la via della debolezza per affermare l’energia dirompente dell’amore e privilegia i piccoli, i deboli, i malati e gli esclusi per manifestare la forza straordinaria della misericordia. Dove il Regno arriva, gli affamati vengono saziati, gli afflitti consolati, i poveri accolti, i malati guariti, i soli confortati, i carcerati visitati, i nemici amati.

Il Regno è là dov’è l’amore. Questo cambia molte cose. Si potrebbe dire che non si va in Paradiso con le opere di carità; piuttosto si sta già in Paradiso quando si vive la carità.

L’aspetto nuovo di questa predicazione evangelica consiste nello stretto rapporto che Gesù pone tra sé, la sua opera e il Regno. Gesù è il Regno; egli si identifica in esso. Gesù è il seme gettato nella terra degli uomini, un seme piccolo, debole, maltrattato, ingiuriato, scartato, anzi cacciato fuori. Eppure questo seme gettato a terra, una volta morto, è risorto e attraverso i discepoli, suo corpo mistico, ha esteso i suoi rami sino ai confini della terra. Già il profeta Ezechiele, mentre si trovava esule in Babilonia, aveva preannunciato che un fragile ramo, come è la punta del cedro, sarebbe divenuto un albero robusto e ristoratore.

“Un ramoscello io prenderò dalla cima del cedro, dalle punte dei suoi rami lo coglierò e lo pianterò sopra un monte alto, imponente lo pianterò sul monte alto d’Israele. Metterà rami e farà frutti e diventerà un cedro magnifico” (Ez 17,22-23). I discepoli, nella misura in cui si lasciano coinvolgere, anzi travolgere dal piccolo libro dei Vangeli, possono entrare a far parte del Regno di Dio e divenirne gli umili servitori.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 Giugno 2018 anche qui.

Mc 4, 26-34
Dal Vangelo secondo Marco

26Diceva: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; 27dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. 28Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; 29e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
30Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? 31È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; 32ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
33Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. 34Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Giugno 2018
  • Tempo Ordinario XI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Salva

Salva

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.