Commento al Vangelo del 17 Giugno 2018 – Ileana Mortari (Teologa)

Pubblicità

Il regno di Dio

Le due parabole del vangelo odierno costituiscono, insieme ad una precedente (vv.3-20), le “parabole del seme”, in pratica il discorso in parabole del vangelo marciano.

La parabola è un elemento tipico del discorso di Gesù: non è un discorso immediato, da interpretare alla lettera; si serve di paragoni e similitudini e, poiché Dio rispetta la libertà degli uomini, ha la prerogativa di risultare luminosa per chi ha il cuore aperto al mistero di Dio; mentre rimane enigmatica e oscura per chi non è interessato al Signore e ha l’animo ingombro da altre attrattive.

Nella fattispecie le tre parabole di Marco si riferiscono al Regno di Dio, tematica fondamentale del Nuovo Testamento, che è il caso di illustrare (per quanto è possibile nello spazio di sole due pagine!), inserendo a tempo debito il riferimento alle due parabole della odierna pericope evangelica.

Sulla scorta di Giovanni Barberis, mi pare utile e chiara la seguente illustrazione del tema in oggetto.

La regalità di Dio nei confronti di Israele si manifesta in modo radicalmente diverso rispetto alle varie forme di potere degli uomini. Dio non è un despota, ma esprime la sua signoria nel prendersi cura del popolo, nel proteggerlo dai nemici, nel riunirlo come fa il pastore con il suo gregge…..Lo stesso re di Israele non governa per autorità propria, ma in nome di Dio.

Con il crollo della monarchia, e grazie alla predicazione dei profeti, la grande speranza della nazione giudaica si rivolge al Messia attraverso il quale si instaurerà definitivamente la sovranità di Dio. Allora il regno di Dio abbraccerà tutte le nazioni.

Gesù di Nazaret sarà questo Messia e farà del regno, realtà essenzialmente soprannaturale,

l’oggetto principale della sua predicazione.> Basti pensare che la formula “regno di Dio” o “regno dei cieli” ricorre più di 160 volte nel Nuovo Testamento.

Ma il Nazareno va ben oltre quel messianismo politico-nazionalista che dominava all’epoca, quando ci si aspettava un Messia che avrebbe liberato Israele dai Romani e ristabilito il regno di Davide: il regno di cui Egli parla designa piuttosto un’azione, cioè la signoria di Dio nel pieno del suo concreto esercizio, la sua regalità efficace e benefica, il Suo amore misericordioso e universale, il Suo intervento salvifico e risolutore, che stabilirà definitivamente giustizia, pace, bontà e armonia sulla terra.

Tale signoria-attività di Dio cresce tra gli uomini, si estende misteriosamente, silenziosamente, ma con sicurezza: è quanto emerge dalle due parabole del vangelo odierno.

La prima parla di un seme che cresce da solo. E’ verosimile che un contadino non faccia niente per accudire a tale seme? Forse no; ma la ragione è che Marco vuole porre l’accento su ciò che avviene “automàte”= spontaneamente, da parte della terra: una crescita che ha del prodigioso; del resto proprio questo sgorgare della pianta dal seme ha sempre stupito l’uomo; fuor di metafora, Marco ci dice una cosa bellissima: indipendentemente dalle sciocchezze che fanno gli uomini, il Regno di Dio – cioè la Sua azione benefica – cresce e lo ritroviamo in tutti quegli elementi positivi di bontà, altruismo, giustizia, generosità, servizio, abnegazione, amore, lealtà……..che avvengono dentro e anche fuori la Chiesa. Questo perché il Regno di Dio, pur se richiede la collaborazione dell’uomo, è anzitutto grazia e dono, che vanno accolti e, nonostante gli attacchi del male, esso giungerà sicuramente al compimento per la forza irresistibile e misteriosa che lo sostiene.

Anche la seconda parabola parla di un regno che cresce, ma facendo risaltare ancora di più il contrasto tra umili e nascosti inizi (il granello di senape è il più piccolo di tutti i semi del terreno) e l’effetto prodigioso della crescita (diventa la pianta più grande e ricca di rami dell’orto). Fuor di metafora: nonostante gli umili inizi dell’azione di Dio nella persona e nell’opera di Gesù, la sua manifestazione finale condurrà tutta la storia umana nella piena giustizia, pace e libertà.

L’intervento divino si rivela e si attua nella storia attraverso la parola, l’azione e la persona di Gesù. Allora accogliere il Regno è accogliere Gesù e la sua azione: vittoria sui demoni, guarigioni di ammalati, resurrezione dei morti, perdono dei peccati e misericordia verso tutti gli uomini, che – grazie al Messia – potranno addirittura partecipare alla vita stessa di Dio.

C’è però un passo nel 1° vangelo che chiarisce ulteriormente il rapporto tra l’uomo e Dio:

«Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio, che è nei cieli» (Mt 7,21). Fare la volontà di Dio viene solitamente inteso come un doversi espropriare del proprio libero arbitrio, per eseguire “macchinalmente” quanto comanda il Signore Dio.

Ma non è così.

Un’interessante riflessione di Joseph Ratzinger (alle pagg.176-7 di “Gesù di Nazaret”) può aiutarci a capire correttamente la pagina evangelica: <“Regno di Dio” significa “signoria di Dio” e ciò significa che la sua volontà è assunta come criterio. E’ questa volontà che crea giustizia…..Ecco perché Salomone chiede a Dio “un cuore docile” per essere in grado di rendere giustizia e distinguere il bene dal male; “un cuore docile” proprio perché sia Dio e non lui a regnare, perché, se non si è in perfetta sintonia con Dio, non si può esercitare la vera giustizia……Così il regno di Dio viene attraverso il “cuore docile”. Allora la preghiera più importante che si può fare perché venga il regno di Dio è: “Facci tuoi, Signore! Vivi in noi! Fa’ che “Dio sia tutto in tutti” (cfr. 1°Cor.15,26-28)>

A questo punto possiamo affermare che “Regno di Dio” è anche l’insieme degli uomini, pensieri e azioni in cui regna la volontà di Dio. E questa volontà consiste in: bene, amore, giustizia, libertà, fratellanza, solidarietà universale. Purtroppo è sotto gli occhi di tutti quanto nel corso della storia il male sia diffuso e sembri prevalere sul bene; il regno di Dio spesso è davvero nascosto o all’apparenza sconfitto. Il fatto è che la manifestazione piena del Regno è rimandata oltre il tempo, quando il Cristo glorioso vincerà definitivamente il male e la morte e “consegnerà il Regno a Dio Padre” (1° Cor.15,24). Allora la signoria di Dio sarà definitiva e universale e gli uomini saranno pienamente ed eternamente salvi.

Certamente si potrebbe continuare a citare ed esaminare un gran numero di altri passi evangelici, che lascio al vostro studio; comunque 4 di essi sono spiegati nel mio sito www.chiediloallateologa.it in risposta ad una domanda sul “Regno di Dio” (cliccare il link “Le vostre domande”).

Ileana Mortari – Sito Web

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
X DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 10 Giugno 2018 anche qui.

Battezzate tutti i popoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Dal Vangelo secondo Marco
Mc 3, 20-35

In quel tempo Gesù entrò in una casa e di nuovo si radunò una folla, tanto che non potevano neppure mangiare. Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; dicevano infatti: “È fuori di sé”.
Gli scribi, che erano scesi da Gerusalemme, dicevano: “Costui è posseduto da Beelzebùl e scaccia i demòni per mezzo del capo dei demòni”. Ma egli li chiamò e con parabole diceva loro: “Come può Satana scacciare Satana? Se un regno è diviso in se stesso, quel regno non potrà restare in piedi; se una casa è divisa in se stessa, quella casa non potrà restare in piedi. Anche Satana, se si ribella contro se stesso ed è diviso, non può restare in piedi, ma è finito. Nessuno può entrare nella casa di un uomo forte e rapire i suoi beni, se prima non lo lega. Soltanto allora potrà saccheggiargli la casa. In verità io vi dico: tutto sarà perdonato ai figli degli uomini, i peccati e anche tutte le bestemmie che diranno; ma chi avrà bestemmiato contro lo Spirito Santo non sarà perdonato in eterno: è reo di colpa eterna”. Poiché dicevano: “È posseduto da uno spirito impuro”.
Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, mandarono a chiamarlo. Attorno a lui era seduta una folla, e gli dissero: “Ecco, tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle stanno fuori e ti cercano”. Ma egli rispose loro: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?”. Girando lo sguardo su quelli che erano seduti attorno a lui, disse: “Ecco mia madre e i miei fratelli! Perché chi fa la volontà di Dio, costui per me è fratello, sorella e madre”.

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Potrebbe piacerti anche