Commento al Vangelo del 17 Giugno 2018 – don Domenico Bruno

141

Il commento alle Letture di domenica 17 giugno 2018, a cura di don Domenico Bruno.

Per Dio siamo “Piccoli già grandi”

Da sempre ci hanno insegnato che Dio lascia le persone libere, anche di sbagliare. Ed è così. Tuttavia il Signore fa in modo che nella nostra vita vengano seminati semi di vita buona, grande e piena, affinché possiamo diventare cristiani robusti. 

Dio, sin dall’inizio dei tempi, conoscendo che l’uomo è limitato e piccolo, trova sempre un modo per arrivare alle sue creature non per umiliarle, bensì per farle diventare grandi, anzi per far riscoprire loro la grandezza che Lui stesso ha seminato in ciascuno.

Così, nel tempo, i piccoli semi dentro di noi a un certo punto crescono e chiedono di diventare grandi. Crescono spontaneamente, ma poi hanno bisogno di diventare più grandi. È come quando diciamo “ho fede”, ma poi la nostra fede non ci permette di fare il salto di qualità che invece Dio si aspetta da noi. Se invece la fede viene coltivata e curata diventerà grande e ci permetterà di fare e vedere cose che mai avremmo pensato!

Ma come si coltiva la fede? Andando a messa (e non certo “una tantum”)? Frequentando la Chiesa? Quello è il minimo indispensabile, ma poi il Signore chiede anche qualcosa di più: nel Vangelo leggiamo che  Gesù «in privato ai suoi discepoli spiegava ogni cosa» (Mc 4, 26-34). Questo dice che Cristo vuole dirci qualcosa di personale e di più profondo oltre a quello che viviamo e sperimentiamo all’interno dei “precetti”. 

Solo coltivando anche la dimensione privata e personale il Signore può far emergere e diventare immensi i piccoli semi che abbiamo dentro e che portano con sé un grande frutto. Diceva una canzone di Gerardina Trovato che:

Siamo dèi, dei santi 
siamo noi 
siamo piccoli già grandi 
Siamo dèi, dei santi 
siamo noi
siamo piccoli già stanchi. 

Dio ci ha dato la possibilità di essergli simili (dèi) e ci ha già donato la santità, ma questa ha bisogno di crescere per poter essere un punto di riferimento per molti, proprio come lo sono diventati i grandi santi che conosciamo.

  • Nella mia e nell’altrui vita, sto seminando? Cosa?
  • Quanto tempo in privato con Dio mi prendo durante il giorno?
  • Quando prego Dio, lo lascio parlare e mi lascio riempire, o parlo solo io?

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – Anno B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 Giugno 2018 anche qui.

Mc 4, 26-34
Dal Vangelo secondo Marco

26Diceva: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; 27dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. 28Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; 29e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
30Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? 31È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; 32ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
33Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. 34Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Giugno 2018
  • Tempo Ordinario XI
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO