Home / Vangelo della Domenica / Commento al Vangelo del 17 Febbraio 2019 – Fraternità Gesù Risorto

Commento al Vangelo del 17 Febbraio 2019 – Fraternità Gesù Risorto

La profezia di Geremia viene ripetuta anche dal salmista. Le immagini usate parlano da sole: l’albero nel deserto, per mancanza d’acqua, è continuamente a rischio, non ha possibilità di sviluppo; invece l’albero piantato lungo il fiume prospera in ogni stagione. Così l’uomo che si appoggia agli uomini è continuamente a rischio, perché ogni uomo è mortale, fragile, limitato, sempre peccatore, e non può dare sostegno stabile e nutrimento sicuro alla vita di alcuno. Geremia dice addirittura: “Maledetto l’uomo che confida nell’uomo”, e lo dice per esperienza. Chi affida la propria vita ad un uomo rimane deluso. Allo stesso modo nemmeno io devo desiderare che qualcuno ponga in me la sua speranza: egli rimarrebbe certamente amareggiato. Mi vengono alla mente mamme e papà che pensano e dicono di vivere per i propri figli. E sono proprio i loro figli che cercano di allontanarsi da loro perché se li sentono pesare addosso come un macigno, si sentono legati a loro come con una catena. Se quei genitori vivessero “per il Signore”, come insegna la Scrittura, non si porrebbero davanti ai figli come delle divinità, e la loro presenza darebbe loro la sensazione di libertà e di pace. L’uomo non deve confidare nell’uomo, nemmeno in se stesso, proponendosi come appoggio sicuro per gli altri.

Quando trovo una persona che confida nel Signore e vive per lui, la scopro libera, che dona libertà. Io voglio vivere così. È necessaria una continua lotta contro la tendenza pagana che porto in me, ma ne vale la pena. Io voglio confidare nel Signore anche quando chiedo consiglio a qualcun altro: il Signore lo ispirerà. Io confido nel Signore anche quando vado dal medico: il Signore gli darà luce e scienza a vantaggio della mia salute, per quel tanto che lui dispone che io collabori ancora nel suo Regno. E così anch’io confido nel Signore quando qualcuno viene a me per chiedere una parola o un orientamento per le sue scelte: affido a lui quella persona e mi pongo in ascolto della sua sapienza. “Benedetto l’uomo che confida nel Signore e il Signore è sua fiducia”!

Gesù propone ancora queste stesse cose con altre espressioni; le ripete ai suoi discepoli, ma anche a tutta la folla che si nutre della sua parola: “Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio”.

I poveri cui pensa Gesù, e che stanno davanti a lui, sono persone che hanno imparato a non confidare nell’uomo! Essi non confidano più nell’uomo ricco e nemmeno nel potente. Essi hanno accumulato esperienza che il ricco li sfrutta e il potente li domina: perché fidarsi di loro? Perché confidare nella loro avarizia e nella loro arroganza, o nella loro ricchezza e nelle loro armature? Le loro promesse sono vane, sono propaganda sempre menzognera. I poveri non s’appoggiano sulle promesse del ricco né su quelle del potente. Essi sanno che solo in Dio c’è amore per il debole e per il povero, e perciò confidano in lui, attendono la ricchezza della sua Parola e la forza del suo Spirito. Il povero ha fame e piange, ma continua a sperare nella provvidenza del Padre. Chi non è stabile nel confidare in lui, diventa preda di ciarlatani, di sfruttatori, forse anche di maghi e indovini, che promettono salute e benessere, ma in realtà lo legano a sé per farselo schiavo. Chi confida nel Signore viene perseguitato dagli uomini: lo sentono diverso da loro, perché non cede alle loro lusinghe: ne invidiano la libertà e la serenità profonda.

I poveri che confidano in Dio sono capaci di credere in Gesù, di accoglierlo e riconoscerlo come Signore della propria vita, nonostante egli sia stato rifiutato e crocifisso. Essi sono gli unici veri amici di Dio, le uniche persone di cui Dio possa compiacersi e di cui anch’io posso fidarmi. Non importa se, a causa della loro fede, essi saranno tenuti lontani dai luoghi dove si decidono le cose importanti per la società, saranno emarginati e derisi, perché al centro del loro cuore sta Colui che è stato deriso e respinto.

Gesù poi ha parole e avvertimenti seri per chi, confidando nelle ricchezze e in ciò che piace agli uomini, ritiene la vita in questo mondo come un godimento. Le ricchezze ed il benessere materiale non durano sempre. Guai se gli uomini dovessero invidiarci per queste cose che passano.

L’unica vera realtà è quella futura, quella che rimane per sempre. Gesù è risorto perché il nostro sguardo e il nostro cuore siano sempre rivolti ai beni eterni. Gesù è risorto – noi lo crediamo fermamente – così la nostra speranza non andrà in cerca di cose passeggere e limitate, e alla fine non resteremo delusi. A San Paolo preme che sappiamo trarre conseguenze vere e solide dalla nostra fede nella risurrezione di Gesù. La prima conseguenza è credere che anche noi risorgeremo, e quindi ci impegniamo a vivere con serietà, sottomettendoci al giudizio del Signore, ubbidienti alla sua parola. Confidiamo in lui e non ci lasciamo attrarre dalle menzogne di chi ci vorrebbe legati solo alle cose del mondo, così da poterci controllare come fossimo loro burattini. “Benedetto l’uomo che confida nel Signore”!

A cura della Casa di Preghiera S.Maria Assunta – Tavodo  -Via della Pieve, 3 – 38078 SAN LORENZO DORSINO – TN

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

SESTA SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 Febbraio 2019 anche qui.

Lc 6, 17. 20-26 Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, disceso con i Dodici, si fermò in un luogo pianeggiante. C’era gran folla di suoi discepoli e gran moltitudine di gente da tutta la Giudea, da Gerusalemme e dal litorale di Tiro e di Sidòne. Ed egli, alzàti gli occhi verso i suoi discepoli, diceva: «Beati voi, poveri, perché vostro è il regno di Dio. Beati voi, che ora avete fame, perché sarete saziati. Beati voi, che ora piangete, perché riderete. Beati voi, quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e vi insulteranno e disprezzeranno il vostro nome come infame, a causa del Figlio dell’uomo. Rallegratevi in quel giorno ed esultate perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nel cielo. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i profeti. Ma guai a voi, ricchi, perché avete già ricevuto la vostra consolazione. Guai a voi, che ora siete sazi, perché avrete fame. Guai a voi, che ora ridete, perché sarete nel dolore e piangerete. Guai, quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti agivano i loro padri con i falsi profeti».C: Parola del Signore. A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: La Sacra Bibbia

ALTRI COMMENTI

VEDI ANCHE

Commento alle letture di domenica 28 Aprile 2019 – Missionari della Via

Il commento alle letture di domenica 28 Aprile 2019 a cura dei Missionari della Via. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.