Commento al Vangelo del 17 dicembre 2017 – don Francesco Armenti

264

Il commento alle Letture di domenica 17 dicembre 2017, a cura di  don Francesco Armenti.

https://youtu.be/zIi0LZu_YXQ

Fonte

È nato a San Severo nel 1964 dove vive e lavora. È diacono della Chiesa Cattolica, giornalista e scrittore.
Ha pubblicato: Voglia di vivere. Poesie dal carcere (1989); Aids tra paura e solidarietà (1993); La bella notizia (1996); Cordialmente (1997); Ho fame di te (1997); Ti scrivo perché… (1998; segnalato alla Fiera del libro 2000 di Francoforte, tradotto in lingua ceca); Fratello e amico (1999); Il Giubileo di Gesù (2000); La Madonna del Soccorso tra storia e devozione mariana (2000, con Mario Bocola); Fecondare il tempo. Percorsi per vivere la fede nel terzo millennio (2002); Come seme marcito. Padre Pio pane per l’uomo (2009); Francesco Maria Vassallo. La carezza dello Spirito (2010).

Ha conseguito il titolo accademico di Magistero in Scienze Religiose dell’Ateneo Romano della Santa Croce e il diploma di Postulatore per le cause di beatificazione e di canonizzazione presso lo «Studium» della Congregazione delle cause dei santi.

Già docente di Cultura Religiosa Cattolica, ha collaborato al corso accademico di Pastorale della Carità dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di San Severo, docente di Etica Professionale e di Bioetica (Università degli Studi di Foggia).

È stato addetto stampa della diocesi di San Severo e direttore della Caritas Diocesana.
È particolarmente impegnato nei campi dell’emarginazione e delle povertà.

Collabora con «Avvenire», «L’Osservatore Romano» e l’Agenzia SIR (Servizio Informazione Religiosa); è articolista de «L’Amico del Terziario» ove firma una rubrica a carattere teologico-sociale, «Voce di Padre Pio» e «Studi su Padre Pio». Per Padre Pio Tv tiene una rubrica quotidiana di direzione spirituale titolata: Passi di tenerezza. Percorsi di umanità e spiritualità. Direttore responsabile di testate giornalistiche, commentatore di rubriche radiofoniche e collaboratore di riviste e periodici. Promuove incontri, conferenze e convegni culturali. Don Francesco vive il ministero della predicazione in varie parti d’Italia e d’Europa con particolare attenzione agli emigrati italiani all’estero.
Durante il Grande Giubileo dell’anno 2000, nominato «Messaggero del Giubileo nel Mondo», ripercorre alcune antiche vie dei pellegrini in Italia e d’Europa. I suoi reportage giornalistici per l’Osservatore Romano vincono ex aequo il 1° premio in una selezione internazionale. Durante questa esperienza riscopre la passione giornalistica per la storia e le tradizioni popolari.

[amazon_link asins=’8851417660,8831538047′ template=’ProductCarousel’ store=’ceriltuovol04-21′ marketplace=’IT’ link_id=’9abd2429-e24f-11e7-a5f9-5f7a1cab9542′]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 anche qui.

III Domenica di Avvento – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Gv 1, 6-8. 19-28
Dal Vangelo secondo Giovanni

6Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. 7Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. 8Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce.

19Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». 20Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». 21Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. 22Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». 23Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaia». 24Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. 25Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». 26Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, 27colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». 28Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Dicembre 2017
  • Tempo di Avvento III
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO