Commento al Vangelo del 16 settembre 2012 – p. Massimo Granieri

78

Il commento sulla Parola di Dio proclamata durante la liturgia festiva. In onda la domenica alle ore 8.05 del mattino su RLB. Una canzone chiude la riflessione, riassumendo i punti essenziali del messaggio.

A che serve, fratelli miei, se uno dice di avere fede, ma non ha le opere? Quella fede può forse salvarlo?

Se un fratello o una sorella sono senza vestiti e sprovvisti del cibo quotidiano e uno di voi dice loro: «Andatevene in pace, riscaldatevi e saziatevi», ma non date loro il necessario per il corpo, a che cosa serve? Così anche la fede: se non è seguita dalle opere, in se stessa è morta.

Al contrario uno potrebbe dire: «Tu hai la fede e io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede».

(Lettera di San Giacomo apostolo)

[powerpress]
Articolo precedenteIl Vangelo di Domenica 16 settembre 2012 – Mc 8, 27-35
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 16 settembre 2012 – padre Bruno Secondin