Commento al Vangelo del 16 Dicembre 2018 – Fraternità Gesù Risorto

186

Gioisci, esulta, rallegrati con tutto il cuore! La gioia è il frutto di quegli eventi che riempiono il cuore dell’uomo, che lo soddisfano, che appagano i suoi desideri più profondi, anche quelli che egli nemmeno conosce. Il profeta Sofonia invita il popolo a cominciare già a godere di gioia immensa, perché sarà spettatore di un intervento speciale di Dio, che revoca la condanna e disperde il nemico, e si fa presente in mezzo al suo popolo! Egli stesso poi, il Dio grande e immenso, sarà soddisfatto dei suoi fedeli!

Noi non abbiamo difficoltà a riconoscere che quest’invito alla gioia riguarda la venuta del Signore Gesù: è lui che ci solleva dalle colpe, è lui che vince il nostro nemico, è lui presente in mezzo a noi, è lui che gode dei suoi discepoli e riposa insieme con loro. Noi godiamo e ci rallegriamo quindi perché vediamo queste promesse già realizzate, ma ci rallegriamo ancora di più perché esse ci vengono ripetute e rinnovate: la celebrazione della venuta di Gesù infatti può aggiungere ancora qualcosa alla nostra vita. Noi lo abbiamo accolto, ma ci sono altri spazi che egli può colmare, dentro di noi e nella nostra famiglia, nella comunità e nella società.

Le parole del profeta sono quelle che Maria stessa ha raccolto dalla voce dell’angelo, quelle che l’hanno turbata: ella intuì che una gioia così grande avrebbe sconvolto tutti i progetti della sua vita. La gioia infatti apre il cuore a com-prendere, a far cioè entrare in sé, altre realtà, altre persone e situazioni. Quando noi ci rallegriamo, dice San Paolo nella seconda lettura, tutti gli uomini possono conoscere la nostra affabilità, e ci avvicineranno e ci ascolteranno!

Quando ci rallegriamo cambiano molte cose: anche il nostro rapporto con Dio diventa più libero e sereno. A Lui riusciremo a presentare persino le situazioni più difficili, quelle disperate. Con la gioia nel cuore le nostre preghiere e suppliche diventano ringraziamento, perché vediamo sul volto di Dio il desiderio di esaudirci, di aumentare ancora la nostra gioia facendoci vedere che egli, il Dio immenso e onnipotente, prende sul serio i nostri desideri, perché è nostro Padre! Non ci saranno più situazioni travolgenti, che ci fanno disperare, perché potremo confidare: benché la nostra intelligenza non veda soluzioni, sapremo che a quella di Dio non possiamo mettere limiti. Potremo continuare a riposare sulla promessa del Padre, che si compie nel Figlio che viene, che viene per noi!

Alla sua venuta ci vuol preparare Giovanni. Egli suggerisce a tutti quelli che chiedono, persino ai pubblicani e ai soldati, categorie maledette dai benpensanti, dei comportamenti che cambiano la propria vita e la società. I suggerimenti di Giovanni sollecitano spirito di povertà e di umiltà, mitezza e rispetto degli altri: chi accoglie tale stile di vita sarà pronto all’incontro importante e decisivo, l’incontro con Gesù!

Giovanni ce lo presenta come “uno che è più forte di me” e che battezza “in Spirito Santo e fuoco”. Il battesimo in cui Gesù immergerà si distingue dal suo battesimo. Giovanni con l’acqua lava e pulisce e con la predicazione dispone a grandi cambiamenti, preparando il terreno all’opera di Gesù, che invece farà sì che lo Spirito stesso di Dio entri nell’intimo dell’uomo! Lo Spirito Santo di Dio brucia, illumina, riscalda, come il fuoco. Gesù quindi darà nuova vita, cambiando l’uomo dall’interno: non farà rivoluzioni politiche! La differenza tra Gesù e Giovanni è grande: questi non è degno nemmeno di compiere verso di lui i servizi degli schiavi, tuttavia il suo ruolo è importante; infatti ne risveglia l’attesa e lo indica presente come il giudice definitivo, colui che dev’essere ascoltato da tutti.

In questo Avvento, benché siamo già discepoli di Gesù, ci mettiamo nell’atteggiamento di chi lo attende, come non lo avessimo ancora accolto. Non dobbiamo dare per scontato di sapere già tutto o di amare già abbastanza, perché Gesù è sempre degno di molto di più, è sempre il più forte, il più grande, e la sua opera per noi ci apparirà nuova, perché egli avrà ancora molto da bruciare, molto da giudicare. Egli troverà della pula mescolata al buon grano nel nostro cuore, nei nostri pensieri e nelle nostre opere.

Il ministero di Giovanni è necessario anche per noi. Lo ascoltiamo, e con umiltà ci disponiamo a cambiare atteggiamenti e situazioni cui ci siamo abituati. Gesù potrà così immergerci (cioè battezzarci) nel suo Spirito, e noi avremo la gioia profonda cui l’apostolo ed il profeta ci hanno invitati!

A cura della Casa di Preghiera S.Maria Assunta – Tavodo  -Via della Pieve, 3 – 38078 SAN LORENZO DORSINO – TN

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

III DOMENICA DI AVVENTO – ANNO C

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 16 dicembre 2018 anche qui.

Lc 3,10-18

In quel tempo, le folle interrogavano Giovanni, dicendo: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche, ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare, faccia altrettanto».
Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato».
Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe».
Poiché il popolo era in attesa e tutti, riguardo a Giovanni, si domandavano in cuor loro se non fosse lui il Cristo, Giovanni rispose a tutti dicendo: «Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco. Tiene in mano la pala per pulire la sua aia e per raccogliere il frumento nel suo granaio; ma brucerà la paglia con un fuoco inestinguibile».

Con molte altre esortazioni Giovanni evangelizzava il popolo.

  • 09 – 15 Dicembre 2018
  • Tempo di Avvento II
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno: III
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]