Commento al Vangelo del 16 agosto 2015 – don Giuseppe Berardi, Diocesi di Vicenza

22

Commento di don Giuseppe Berardi, responsabile Comunità del Mandorlo, Seminario Vescovile di Vicenza.
Registrato nella cappella della Comunità del Mandorlo, Vicenza.

XX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

  • Colore liturgico: verde

Gv 6, 51-58
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse alla folla: «Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo».
Allora i Giudei si misero a discutere aspramente fra loro: «Come può costui darci la sua carne da mangiare?».
Gesù disse loro: «In verità, in verità io vi dico: se non mangiate la carne del Figlio dell’uomo e non bevete il suo sangue, non avete in voi la vita. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue ha la vita eterna e io lo risusciterò nell’ultimo giorno. Perché la mia carne è vero cibo e il mio sangue vera bevanda.
Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue rimane in me e io in lui. Come il Padre, che ha la vita, ha mandato me e io vivo per il Padre, così anche colui che mangia me vivrà per me.
Questo è il pane disceso dal cielo; non è come quello che mangiarono i padri e morirono. Chi mangia questo pane vivrà in eterno».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[ads1]

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 16 agosto 2015 – padre Giuseppe De Nardi
Articolo successivoCommento al Vangelo del 16 agosto 2015 – don Gianfranco Calabrese