Commento al Vangelo del 14 gennaio 2018 – don Fabio Rosini – solo testo

Pubblicità

PER ARRIVARE A GESÙ SERVE UN PONTE

La chiamata del profeta Samuele – prima lettura di questa domenica – è la storia della soluzione di un malinteso. La voce di Dio arriva all’orecchio del giovane ma, finché non viene aiutato dal sacerdote Eli, Samuele non la intende; sarà poi un grandissimo profeta, ha due libri della Bibbia a lui dedicati, ma da solo non sarebbe mai arrivato alla sua missione.

Nel Vangelo Giovanni il Battista indica a due dei suoi discepoli che Gesù è l’Agnello di Dio, e questi seguono Gesù, che si volta e ne scruta le intenzioni. Il dialogo li porterà a un’esperienza che cambierà la loro esistenza, non “capiranno” qualcosa, ma staranno “con” Lui. Uno dei due è Andrea, fratello minore di Simone e annunzierà il Messia al fratello maggiore, portandolo da Lui.

In questo testo ben tre volte viene data la traduzione delle parole: “Rabbì” significa “Maestro”; “Messia” vuol dire “Cristo”; “Cefa” si traduce “Pietro”. Non è un caso. Eli decodifica la chiamata di Dio a Samuele, Giovanni Battista svela il Messia ai suoi discepoli. L’evangelista stesso traduce per noi i significati di certe parole. Simon Pietro, a sua volta, riceve da suo fratello un’introduzione al Messia. E, alla fine, Gesù traduce Simone a sé stesso, dandogli un nome nuovo, che corrisponde alla sua vita nuova.

Per raggiungere Gesù c’è bisogno di un ponte, e deve essere quello giusto. Un sacerdote per un nuovo profeta; l’ultimo dei profeti per i primi discepoli del Messia; un testimone oculare per chi dovrà essere la roccia d’appoggio per la Chiesa.

Perché queste mediazioni? Non possiamo avere un rapporto diretto con il Signore? Non basta che lo Spirito Santo parli nel cuore per arrivare in fondo alla relazione con Lui? Perché c’è bisogno di un sacerdote per rendere presenti i sacramenti? E in fondo: perché i sacramenti, e perché la Chiesa? Non sarebbe meglio un bel cavo diretto con Dio? Una connessione wi-fi privata e dedicata. Perché no? Perché ci mancherebbe qualcuno. I fratelli.

Dio ha fatto sì che abbiamo bisogno gli uni degli altri per incontrarlo. Non posso amare Dio senza l’aiuto di qualcuno. Anzi: non possiamo amare Dio senza amare i fratelli. La fede si riceve, non si improvvisa. E se non porta alla carità fraterna, è un falso.

CI MANCANO LE RELAZIONI. Assuefatti a modelli individualisti, vincenti e autonomi, con una mentalità da single, desideriamo incontrare anche il Signore in modo sterilizzato, senza contaminarci con altri. Ma se c’è una cosa che ci manca dolorosamente sono le relazioni. Sono una persona umana, il mio insopprimibile centro è l’amore.

Il sogno di non aver bisogno di nessuno si risolve normalmente in un incubo. È vitale che io non sia un’isola, che possa essere aiutato, disturbato, evoluto, addestrato a crescere da altri. Grazie a Dio ci sono gli altri! Abbiamo bisogno di traduttori, interpreti ed evangelizzatori. La nostra vita cristiana è sempre nutrita da qualche intermediario che ci aiuta. Non importa quanto sia povera quella persona. Ciò che importa è che ci lasciamo la solitudine alle spalle.

QUI ANCHE IL FILE AUDIO

Fonte

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
della II Domenica del Tempo Ordinario – Anno B

Gv 1, 35-42
Dal Vangelo secondo Giovanni

35Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli 36e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». 37E i suoi due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. 38Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?». Gli risposero: «Rabbì – che, tradotto, significa Maestro –, dove dimori?». 39Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove egli dimorava e quel giorno rimasero con lui; erano circa le quattro del pomeriggio. 40Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. 41Egli incontrò per primo suo fratello Simone e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia» – che si traduce Cristo – 42e lo condusse da Gesù. Fissando lo sguardo su di lui, Gesù disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; sarai chiamato Cefa» – che significa Pietro.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 14 – 20 Gennaio 2018
  • Tempo Ordinario II
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO
Potrebbe piacerti anche