Commento al Vangelo del 12 Maggio 2019 – Angèle Bilegue – Gv 20, 1-9

18

Il commento al Vangelo di domenica 12 Maggio 2019 a cura di Angèle Bilegue.

Link al video

Angèle Rachel Bilégué

Angele Rachel Bilegue è nata in Camerun, vive a Roma, ha conseguito il dottorato in Filosofia presso la Pontifica Università Lateranense. Ha ottenuto la licenza in Filosofia presso lo stesso ateneo, il baccellierato in Scienze religiose presso l’Istituto Superiore di Scienze religiose Ecclesia Mater di Roma. Ha conseguito la licenza in teologia morale nell’accademia alfonsiana. Tra i suoi titoli c’è anche l’attestato di introduzione all’analisi transazionale: un metodo psicologico per le relazioni di aiuto, ottenuto presso la Scuola di specializzazione in Psicoterapia PerFormat di Roma. Si occupa di temi educativi, filosofici, etici, psicologici e spirituali. Ha ideato un gruppo chiamato TALITAKHUM per giovani e giovani/ adulti single (tra 18 a 40 anni) che non hanno ancora trovato una strada per la loro vita. Segue personalmente e spiritualmente persone che hanno bisogno. E’ professoressa di filosofia e di teologia – bilegueangele @ gmail.com

Qui puoi continuare a leggere altri commenti al Vangelo del giorno.

 

Alle mie pecore io do la vita eterna.

Dal Vangelo secondo Giovanni
Gv 10, 27-30

In quel tempo, Gesù disse: «Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono.

Io do loro la vita eterna e non andranno perdute in eterno e nessuno le strapperà dalla mia mano.
Il Padre mio, che me le ha date, è più grande di tutti e nessuno può strapparle dalla mano del Padre.
Io e il Padre siamo una cosa sola».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.