Commento al Vangelo del 11 Novembre 2018 – Fraternità Gesù Risorto

75

La lettera agli Ebrei ci parla del mistero centrale della nostra salvezza: i peccati di molti sono perdonati grazie all’offerta che Gesù Cristo ha fatto di se stesso una volta per tutte! Egli, entrando nel cielo, si è presentato al cospetto di Dio in nostro favore! Noi quindi viviamo riconoscenti a lui, cui dobbiamo la salvezza, e attendiamo la sua seconda venuta: allora egli giudicherà il mondo! Egli lo giudicherà secondo quella Parola che lui ha già pronunciato, e che noi abbiamo udito e teniamo nel cuore: il suo giudizio dunque non ci riserverà sorprese, perché conosciamo la sua volontà! Siamo quindi fortunati, abbiamo ricevuto una grazia grande quando abbiamo conosciuto il Signore, maestro che ci prepara alla vita eterna! Con desiderio ardente cerchiamo di guardare a lui, di udire ogni sua parola, di vedere ogni espressione del suo volto!

Dal vangelo di oggi notiamo quanto egli fosse attento a ciò che lo circondava. Vedeva il comportamento delle persone importanti: se si accorgeva che le loro azioni avrebbero potuto ostacolare la fede dei piccoli e dei semplici, non le lasciava senza rimprovero! Osservava i modi di fare della gente, proponendo poi ai suoi discepoli quelli che potevano aiutarli ad orientare la fede in modo vero, libero e deciso!

Ecco gli scribi: persone influenti perché esperti nelle cose di Dio, sempre presenti nei luoghi di culto. Tutti guardano a loro per prenderli ad esempio. Gesù però vede il loro orgoglio, si accorge della vanagloria che occupa il loro cuore, nota il loro amore al denaro e il fatto che allungano le preghiere, non per amore di Dio, ma per attirare su di sé l’attenzione degli uomini! Stimarli come persone esemplari è pericoloso: i semplici potrebbero imitare gli atteggiamenti sbagliati della loro religiosità! Gesù non tace, nonostante ciò risulti per lui pericoloso; egli avvisa la folla dell’inganno in cui potrebbe cadere chi imita gli scribi.

Il popolo d’Israele però non offre solo esempi negativi. Ecco una povera vedova. Anch’essa si mette in fila per deporre la sua offerta nella apposita sala del Tempio. Quando il segretario pronuncia la cifra da lei consegnata, tutti capiscono la sua povertà. I suoi due spiccioli non aggiungono praticamente nulla al valore delle offerte ostentate dei ricchi.

Quei due spiccioli, usciti dalle mani di una povera donna, colpiscono l’attenzione di Gesù, che chiama i discepoli perché devono vedere e imparare. Che cosa possono imparare? Gesù li orienta ad osservare le cose e i gesti degli uomini con lo sguardo di Dio, a cercare ciò che Dio vede!

Sappiamo da un pezzo che Dio non guarda l’apparenza, ma il cuore. Ecco, il cuore della vedova è più ricco di fede del cuore di tutti gli altri. Il gesto della donna manifesta una fede più grande di quella, che non si riesce a vedere, dei ricchi. Questi offrono qualcosa del loro superfluo: lasciano così intravedere che per loro Dio è superfluo. Se non ci fosse, non cambierebbe nulla. La vedova offre tutto quello che ha per vivere, come il bambino che dà tutto quello che ha alla mamma. Il bambino sa che la mamma pensa a lui ogni giorno e non gli lascerà mancare nulla. Le mani della mamma custodiscono meglio delle sue i suoi piccoli tesori. La vedova, consegnando tutto alle mani di Dio, ci fa vedere una fede piena, vera, concreta, quotidiana. Dio per lei è necessario, come la mamma è necessaria al bambino, e per lei Dio è più “sicuro” della sicurezza che potrebbe essere garantita dal denaro!

Gesù vuole che i discepoli imparino questa fede. È la stessa che il profeta Elia ha proposto alla vedova di Zarepta durante la terribile carestia che l’ha ridotta a non aver più nulla da mangiare. (I lett.)

Gesù ci propone di non aver paura a credere che Dio è migliore di noi, che egli è attento a tutte le nostre necessità, e vi sa provvedere quando ci fidiamo di lui e gli obbediamo!

Inoltre oggi impariamo da lui a non fermarci alle apparenze, a osservare tutto per vedere ciò che solo Dio vede! Probabilmente scopriremo che i poveri, le persone che vestono male, quelle che non si vedono nei luoghi importanti, quelle che vengono trascurate e mai interpellate, sono più avanti di noi sulla strada della verità e della santità!

A cura della Casa di Preghiera S.Maria Assunta – Tavodo  -Via della Pieve, 3 – 38078 SAN LORENZO DORSINO – TN

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

XXXII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 11 Novembre 2018 anche qui.

Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

Mc 12, 38-44

Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.Dal Vangelo secondo Marco
 
In quel tempo, Gesù [nel tempio] diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa».
 
Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo.
 
Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 11 – 17 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXXII
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

Articolo precedenteDon Luigi Maria Epicoco – L’avventura di essere cristiani
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 5 Novembre 2018