Commento al Vangelo del 1 maggio aprile 2016 – Mons. Angelo Spinillo

22

Il commento al Vangelo di domenica 1 maggio 2016 a cura di Mons. Angelo Spinillo, Vescovo della Diocesi di Aversa.

Nel tempo della Pasqua e della Resurrezione del Cristo, continuiamo a contemplare e a vivere la pienezza della nostra redenzione. Nel Vangelo che leggiamo domenica prossima 1 maggio, VI domenica del tempo di Pasqua, Giovanni si sofferma ancora sul lungo discorso di Gesù nel corso dell’ultima cena: in questo passo, Gesù dice ai suoi apostoli ‘Vi do la mia pace’, una frase che ascoltiamo sempre nel corso delle celebrazioni eucaristiche.

Commentando il passo del Vangelo, Mons. Angelo Spinillo puntualizza come questa pace “non è frutto di compromessi o accordi in cui ciascuno rimane nel proprio confine: pace significa certezza che Dio abita dentro di noi attraverso la presenza dello Spirito Santo che Gesù ci dona, permettendoci di ascoltare la voce del Signore”. Questo diventa rivelazione dell’amore di Dio all’umanità perché “chi sente il suo amore nel suo cuore, diventa capace di trasmetterlo in tutte le attività che sviluppa per donare vita ai fratelli”.

VUOI ALTRI COMMENTI AL VANGELO?

VI Domenica del Tempo di Pasqua

Gv 14, 23-29
Dal Vangelo secondo Giovanni

[ads2]In quel tempo, Gesù disse [ai suoi discepoli]:
«Se uno mi ama, osserverà la mia parola e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui. Chi non mi ama, non osserva le mie parole; e la parola che voi ascoltate non è mia, ma del Padre che mi ha mandato.
Vi ho detto queste cose mentre sono ancora presso di voi. Ma il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa e vi ricorderà tutto ciò che io vi ho detto.
Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi. Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore.
Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 01 – 07 Maggio 2016
  • Tempo di Pasqua VI, Colore bianco
  • Lezionario: Ciclo C, Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

[ads1]

Articolo precedentePratica del Vangelo – 1 maggio 2016 a cura di don Domenico Luciani
Articolo successivoMeditazione Mattutina di Papa Francesco del 28 aprile 2016 a casa Santa Marta